Passa ai contenuti principali

Teaser Tuesdays #38

Teaser Tuesdays è una rubrica, ideata dal blog Should Be reading, con la quale vi presenterò, ogni settimana, un breve brano tratto dal libro che sto leggendo in quel momento. Per partecipare basta seguire queste semplici regole:

  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri una pagina a caso
  3. Trascrivi un breve pezzo, facendo attenzione a non fare spoilers
  4. Riporta titolo e autore del libro

Buongiorno amici lettori!
In questi giorni ho iniziato a leggere Gatti, merletti e chicchi di caffè di Anjali Banerjee, ed ecco il passo preso a caso di questa settimana...


I maglioni di lana erano spaventosamente sformati. Era stata una stupida: aveva fatto la figura della sprovveduta su un'isola burrascosa e imprevedibile.
Comunque, nonostante quel clamoroso passo falso, esporre gli abiti all'aperto aveva attirato l'attenzione sul C'era una volta. Il numero di clienti aumentò, in parte grazie alla gatta - quella sua area ultraterrena stuzzicava la curiosità dei gattofili più bizzarri ed eccentrici -, in parte grazie all'assortimento della boutique, che in fatto di bizzarria ed eccentricità non era da meno.
Per esempio, molti indumenti erano accompagnati dalla foto dell'ex proprietario. Ma la cosa speciale era che quei "vecchi" vestiti raccontavano davvero la loro storia. C'era un abito di seta decorato con perline di vetro che era stato confezionato a Parigi e indossato durante una luna di miele a Roma. Un vestito di chiffon blu dimenticato in una fattoria per anni, e un modello rosa, molto simile, appartenuto ad una certa Cecilia, che l'aveva usato per andare a messa ogni domenica. Una camicia fatta a mano, impreziosita da applicazioni di tessuto importato, riecheggiava le tristi vicissitudini nella Germania del secondo dopoguerra. Lilly metteva le sue conoscenze a disposizione delle clienti, spiegando la differenza tra un tubino e un abito a trapezio, e allestì la nuova vetrina con un vestito da tè a stampe floreali accanto alla scena di un picnic estivo. 

Finora lo sto trovando un po' piatto  e lento, veramente lontano da La libreria dei nuovi inizi che invece mi aveva incantato fin dai primi capitoli.

Alla prossima
Eliza

Commenti

  1. Mmmm già La libreria dei nuovi inizi non mi è piaciuta, se questo è ancora più lento mi sa proprio che non fa al caso mio! u.u

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!