Passa ai contenuti principali

Recensione: Gatti, merletti e chicchi di caffè - Anjali Banerjee

Buongiorno amici lettori!
Questa mattina sul treno ho finito di leggere Gatti, merletti e chicchi di caffè di Anjali Banerjee, autrice che avevo particolarmente apprezzato con La libreria dei nuovi inizi (QUI la recensione). Il romanzo mi era così piaciuto che non vedevo l'ora di leggere questo secondo libro, che non è un seguito ma una sorta di spin off, in quanto l'ambientazione è la stessa e inoltre incontriamo alcuni personaggi già visti nel precedente romanzo. Saranno state le alte aspettative, non so, ma non mi è piaciuto...Andiamo con ordine...

Gatti, merletti e chicchi di caffè

di Anjali Banerjee
ed. Rizzoli
pp. 260
€ 16,50
Trama
Lily Byrne, vedova da poco, decide di lasciare Seattle e di cercare la pace nella vicina Shelter Island. La cittadina di Fairport dovrebbe essere il luogo ideale per realizzare il suo sogno di sempre: aprire una boutique di abiti vintage e sprofondare in mezzo a sete, merletti, organza e chiffon. Ma un grosso gatto bianco che entra nel suo negozio e affila le unghie in un abito da sposa di Versace porta lo scompiglio nella sua vita tranquilla. E lo scompiglio non fa che aumentare quando, per ritrovare il proprietario del gatto, Lily è costretta a uscire dal suo guscio e a frequentare i nuovi concittadini, tra cui una brillante, ragazzina e suo padre: un affascinante dongiovanni che di mestiere fa il veterinario. Così, grazie a un gatto bianco, alla passione per gli abiti vintage e a un magico chicco di caffè, Lily scopre che la felicità e l'amore sono di nuovo a portata di mano.

Recensione
Ah le aspettative...Quando vengono disilluse ci si sente defraudati di un bel sogno. E così, dopo avere letto Gatti, merletti e chicchi di caffè, il mio disappunto è talmente alto che sono contenta di non aver speso neanche un soldo per comprarlo (anche se sono stata spesso tentata), mentre applaudo all'idea di averlo preso in biblioteca. E dire che ero così convinta! Dopo aver letto La libreria dei nuovi inizi ero così entusiasta. La storia non è solo semplice, è pressoché inesistente. Non succede quasi nulla: Lily, dopo la morte del marito Josh (morte che lei non ha ancora superato), decide di cambiar aria e finisce sulla remota isoletta di Shelter Island, dove apre un negozietto di abiti vintage; qui adotta controvoglia una gatta e soprattutto incontra Ben e la figlia Bish (questo fa il veterinario e da alla figlia il nome di un cane...mha!) che entrano nella sua vita. Il succo è questo, giuro! Aggiungeteci giusto, per arrivare a circa 200 pagine, qualche escursione sull'isolotto, un'ex moglie che torna alla carica ma che dopo 3 pagine scompare e degli pseudo spiriti che alla fine non fanno nulla. E' tutto piatto, senza grossi punti di interesse.
Un aspetto che poteva essere interessante è che il racconto viene fatto dal punto di vista di Lily e da quello della gatta. Poteva, perchè quando è la gatta a raccontare lo fa in prima persona, quando la storia è raccontata da Lily lo fa in terza persona...Perchè? Che senso ha farlo così? Vi dirò, questa cosa mi disturbava durante la lettura, ad ogni cambio capitolo ci facevo caso e storcevo il naso. 
I personaggi sono piuttosto noiosi e prevedibili, come prevedibile è la storia (o storia-che-non-c'è!). Ad esempio, Lily dovrebbe essere lacerata dal dolore per la perdita del marito confusa per i nuovi sentimenti che si trova  a provare, ma io tutto questo non l'ho avvertito. O meglio, lei lo dice, anzi lo dice in continuazione, ma una cosa è dirlo una cosa è provarlo e trasmettere quel sentimento. Inoltre per tre quarti di libro sono stata col pensiero "Ma cosa ti costa adottare quella povera gatta? Perchè la vuoi lasciare in un tristissimo rifugio? Sei su un'isola quasi isolata dal mondo, vivi da sola, lavori in casa, hai spazio, ma adottala quella povera bestiola!"...Mi ha fatto venire un nervoso...!! 
La cosa più carina è stata proprio guardare il mondo con gli occhi della gatta, che alla fine si preoccupava per la sua nuova padrona, ma finiva sempre con lo stare  a leccarsi la zampa. L'unico appunto "felino" che posso fare è che la gatta non sa cos è una cabina telefonica, ma sa cosa sono i ferormoni... Sarà stato il gatto di Piero Angela in una vita precedente...
Va bhè, una fregatura di tanto in tanto ci sta...

Voto...





Alla prossima
Eliza

Della stessa autrice:
- La libreria dei nuovi inizi

Commenti

  1. Ho notato la stessa cosa anche io il racconto in prima e terza persona e mi ha fatto subito stridere i denti! I personaggi poi sono come le ombre che vede micina per il negozio ombre appunto. Insomma il romanzo è scritto anche bene ma niente a che vedere con "La libreria dei nuovi inizi" Poi ho notato anche una grande incongruenza il cottage che acquista la protagonista apparterrebe a zia Ruma, ma nella "libreria dei nuovi inizi" zia Ruma non abitava sopra la libreria appunto? Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti! Jasmine va sull'isola per la libreria e ora spunta fuori il cottage ex negozio di caramelle! l'idea di collegare i due libri, senza però fare un seguito, mi piaceva tanto, ma fatta così era meglio lasciar perdere. E' come se avesse voluto rifare La libreria dei nuovi inizi ma cambiando protagonista e sostituendo i libri con i vestiti. Uno spreco...

      Elimina
  2. volevo leggerlo...ma grazie al tuo commento credo che non sarà una priorità, anzi!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio con tutto il cuore La libreria dei nuovi inizi, che è molto bello, ma questo no, lascia perdere, risparmia soldi e tempo!

      Elimina
  3. Quando ho letto il titolo del romanzo mi sono fiondata a cliccare sulla tua recensione perchè pensavo dovesse essere carinissimo: invece, dalle tue parole, mi sembra proprio da evitare!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno - Benjamin Stevenson

Buongiorno lettori! Come finire questa settimana? Ma con un bel giallo! Oggi vi parlo di una novità Feltrinelli, Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson (grazie all'ufficio stampa per la copia del romanzo!)... titolo stuzzicante vero?

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: Il tempo di tornare a casa - Matteo Bussola

Buongiorno lettori! Il blog è decorato per Natale, la Challenge con Lallì e la Bacci sta per partire, ho iniziato ad aprire il calendario dell'avvento con il cioccolato... direi che dicembre è entrato nel vivo che più vivo non si può.  Udite udite, ho già pronta per voi per parlarne insieme la mia prima lettura del mese... un record! Settimana scorsa mi era arrivato a sorpresa da Einaudi il nuovo libro di Matteo Bussola , Il tempo di tornare a casa . Vediamo insieme cosa ne penso.