lunedì 31 dicembre 2018

Caro 2018....


Caro 2018,
vedi che non era difficile non essere un anno di m…. Marmellata??? Finalmente un anno non completamente deficiente!! Che hai notizie del 2017? Se lo senti ricordagli una cosa da parte mia… che DEVE ANDA' A MORI' AMMAZZATO!! Così, tanto per non dimenticare i francesismi di 12 mesi fa.

Ma veniamo a te, caro 2018. Sei stato un anno con i suoi alti e bassi, ma nel complesso ti sei comportato bene, sei stato caruccio, hai sporcato poco… Bravo! Mi hai persino dato qualche gioia! E scusa lo stupore ma qua tra anni del cacchio e anni che hanno infilato la testa nel forno non ce la siamo mai passata tanto bene. Tu invece mi hai portato Genzano Visconti ( dai Lallì lo so che non si chiama così!! Sono burlona io! E’ ovvio che si chiami … Gargamella Visconti?), Primark e un accenno di povertà (ma Di Maio & Co devono ringraziare me e Lallì se l’economia quest’anno non è colata a picco!! Noi la facciamo muovere!! A noi Draghi fa un baffo!!), Tempo di Libri 2, lampade di sale pesanti quanto tutta la metropolitana di Milano (chissà se Giulia l’ha ancora o se non è più riuscita a spostarla…), la Vignolo che ci ha veramente portato il dolcetto (santa subito!), travi che sono diventate le migliori amiche di Cristina, Pedalina e Liquirizia (rispettivamente cagnino e  gattuccio di Lallì). Ecco, bravo 2018!
Ti dirò, con te pure il lavoro a Guantanamo non è stato così malaccio… 

venerdì 28 dicembre 2018

Dalle 3 Ciambelle - La pizza è servita!!


Il momento è arrivato, commensali carissime!

Il pizzaiolo ha già messo la legna nel forno, la nostra pasticcera sta pesando farina e montando panna, cercando di tenermi lontana dal forno.... ma io ci riusciròòòò!!!!!
Tutti i tavoli sono stati apparecchiati e la cameriera ha appena indossato la sua divisa nuova nuova (e c'è ancora da scoprire chi sia la carogna che ha deciso che servivano le scarpe coi tacchi).

Siete pronte? Vi è piaciuto l'aperitivo? Siete affamate al punto giusto?
Noi siamo qui, pronte a sfornare pizze e dolci per voi, sperando di trascorrere un altro anno fatto di letture e divertimento!

giovedì 27 dicembre 2018

Recensione: Torto marcio - Alessandro Robecchi

Buongiorno lettori!
Finalmente un giorno di pausa tra una mangiata e l'altra. Oggi giorno di avanzi e di insalatina, il giusto per prepararsi al cenone (e al pranzone) di Capodanno. 
Il mio Natale è stato molto tranquillo: casa, cane, Netflix e libri. Il paradiso insomma. E durante questi giorni di festa ho terminato la lettura di Torto marcio di Alessandro Robecchi.


Torto marcio
di Alessandro Robecchi
Sellerio | La memoria | 415 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €15,00
12 gennaio 2017 | scheda Sellerio

"È qualcosa che viene dal passato... Ma c'è un problema: nel passato recente non si trova niente, quello remoto è troppo remoto per scavare". Milano, quasi centro, eppure periferia, "più di seimila appartamenti, famiglie, inquilini legali barricati in casa, abusivi, occupanti regolari, occupanti selvaggi", vecchi poveri, giovani poveri, italiani poveri, immigrati poveri, criminali poveri. Uno di quei posti incredibili, eppure reali, ormai senza rappresentanza politica, dove i piccoli stratagemmi di un welfare fai-da-te sono questione di sopravvivenza. Posti di cui l'informazione parla solo quando si tratta di sicurezza, o razzismo. A pochi chilometri da lì, in una via socialmente distante anni luce, un sessantenne imprenditore molto ricco e dalla vita irreprensibile viene freddato con due colpi di pistola. Una vecchia pistola. E sul corpo, un sasso. Ma "il morto non era uno che di solito muore così". E non sarà l'unica vittima. Per fronteggiare "il ritorno del terrorismo", il ministero manda un drappello di esperti burocrati. Ma la vera squadra d'indagine è clandestina, creata per lavorare sotto traccia e lontano dal clamore mediatico: sono Ghezzi e Carella, due poliziotti diversissimi tra di loro, ma entrambi fedeli più alla verità che all'immagine o alle convenienze. E non sono i soli a indagare su un caso in cui, dall'affascinante vedova agli intrecci d'affari, dalla legge alla giustizia, nulla è ciò che sembra. Carlo Monterossi, l'autore di un affermato programma tivù spazzatura, inciampa per avventura nel «caso dei sassi» mentre si trova a dover recuperare, insieme all'amico detective Oscar Falcone, un preziosissimo anello rubato. Tre storie destinate a incontrarsi in un intreccio dall'ordito perfetto, che resta fino alla fine coperto dal mistero.

mercoledì 26 dicembre 2018

In Agenda a Gennaio 2019


Buongiorno lettori!
E buon Santo Stefano a tutti! Come è stato il vostro Natale? Quanti libri avete spacchettato sotto l'albero? Io pochini, ma ci sono sempre i buoni che ci mettono una pezza.
Bene, ora che Natale è passato pensiamo al cambio di anno. Il 2019 è alle porte e credo sia arrivato il momento di vedere con quali uscite inizierà. Ecco in Agenda a Gennaio!! Ma vi ricordo che nel Calendario della Nuove Uscite potrete trovare tante altre novità che ci attendono nei prossimi mesi.

venerdì 21 dicembre 2018

[BookSwiffer] Quando eravamo eroi - Silvio Muccino

Buongiorno lettori,
torna la rubrica delle grandi pulizie BookSwiffer! No niente aspirapolvere e piumini, qui si tirano fuori libri comprati e mai letti, lasciati a vegetare su librerie e comodini. Ogni mese io, La Libridinosa e la Bacci di Due lettrici quasi perfette stiliamo una lista di 5 libri che abbiamo lì in attesa da un po', poi scegliamo per ognuna una lettura da fare.

Per questo mese io ho messo insieme questa cinquina...


... e le ragazze hanno decretato che leggessi Quando eravamo eroi di Silvio Muccino.


Quando eravamo eroi
di Silvio Muccino
La nave di Teseo | Oceani | 236 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €17,00
8 marzo 2018 | scheda La nave di Teseo

Alex ha trentaquattro anni e sta per tornare in Italia. Dalla sua casa ad Amsterdam guarda una vecchia foto che lo ritrae adolescente insieme ai quattro amici che allora rappresentavano tutto il suo mondo. Gli stessi che ha abbandonato da un giorno all'altro senza una spiegazione, quindici anni prima. Lui, Melzi, Eva, Torquemada e Rodolfo erano indissolubili, fragili e bellissimi, esseri unici e uniti come alieni precipitati su un pianeta sconosciuto a cui non volevano, non sapevano conformarsi. Poi, qualcosa si è rotto. Ora Alex sta per affrontare il passo più importante della sua vita, ma, prima di chiudere i conti con quel passato e con la causa della sua fuga, ha bisogno di rivederli perché sente di dover confessare loro la verità. Una verità che nel corso di quegli anni lo ha portato ad un punto di non ritorno oltre il quale, di Alex, non resterà più nulla. Per Eva, Alex è stato il grande amore, per Rodolfo il rivale-amico che aveva rubato il cuore della ragazza di cui era innamorato, per Melzi un dio messo su un piedistallo, per Torquemada un enigma da risolvere. Nessuno è mai riuscito a superare il dolore di quell'abbandono che ha alterato il corso delle loro vite. È per questo che, nonostante tutto, decidono di accettare l'invito di Alex a trascorrere tre giorni nella sua casa in campagna - meta e rifugio di tanti momenti passati insieme. Ma quando vi arriveranno, la rivelazione che li attende sarà infinitamente più scioccante di quanto avessero mai potuto immaginare. Sarà solo l'inizio di un weekend fatto di verità e confessioni, pianti e risate. Al loro risveglio, il lunedì mattina, nulla sarà più lo stesso.

martedì 18 dicembre 2018

[Questa volta leggo] Recensione: Il palazzo d'inverno - Eva Stachniak

Buongiorno lettori!
Oggi torna l'appuntamento con la rubrica Questa volta leggo. In compagnia di Chiara La lettrice sulle nuvole, di Dolci Le mie ossessioni librose e di un bel gruppetto di blogger ogni mese scegliamo un argomento e pubblichiamo la recensione di un libro che appunto segua questo filo. Per il mese di dicembre abbiamo scelto di leggere.... rullo di tamburi, frullar di campanellini...

Un libro che abbia la neve nel titolo o in copertina

La mia scelta è caduta su un libro che avevo in Wish List da tempo immemore, tanto che Amazon mica ci credeva che lo avevo spostato nel cestino. Si tratta di Il palazzo d'inverno di Eva Stachniak... visto quanta neve ho trovato?


Il palazzo d'inverno
Eva Stachniak
Beat | superBeat | 415 pagine
ebook €7,99 | cartaceo €13,90
15 settembre 2014 | scheda Beat

Varvara Nikolaevna ha sedici anni quando diventa una "protetta della Corona", una di quelle ragazze, orfane o abbandonate, al servizio dell'imperatrice Elisabetta Petrovna, la figlia minore di Pietro il Grande, salita al trono di Russia nel 1741. Orfana di un legatore polacco, svelta e già priva di tutte le illusioni proprie dell'adolescenza, abbastanza carina da doversi difendere da mille attenzioni nei corridoi del Palazzo d'Inverno, Varvara Nikolaevna rimarrebbe una delle innumerevoli e anonime ragazze del guardaroba imperiale, una goffa cucitrice vessata dalla capocameriera di corte madame Kluge, se non si imbattesse un giorno nel conte Bestuzev. Cancelliere di Russia e, secondo le voci ricorrenti tra le cucitrici, uno degli uomini che riscaldano spesso il letto di Elisabetta Petrovna, il conte cerca di non lasciarsi sfuggire nulla di ciò che accade nella residenza imperiale. Nella giovane Nikolaevna scorge una possibile portatrice della "verità dei sussurri ", la servetta capace di aprire cassetti nascosti, di staccare e ripristinare abilmente la ceralacca dalle lettere, di riconoscere all'istante libri cavi, bauli con doppi fondi, meandri di corridoi segreti. Dopo averla istruita all'arte di origliare senza farsi scoprire, le affida perciò il più delicato dei compiti: tenere d'occhio la principessa Sofia Federica Augusta Anhalt-Zerbst, la giovanissima tedesca scelta da Elisabetta come consorte dell'orfano di sua sorella, Karl Peter Ulrich, duca di Holstein, il quindicenne nominato principe ereditario...

lunedì 17 dicembre 2018

Recensione: Gli amici silenziosi - Laura Purcell

Buongiorno lettori!
Inizia oggi l'ultima settimana lavorativa/scolastica, felici? È anche una settimana che si preannuncia bella fredda. Quindi copritevi bene mentre andrete a finire i regali... IO LI HO GIÀ FATTI TUTTIIIII!!! Avverto l'odio profondo nei miei confronti... ihihihihhhh! Sabato mi sono gettata nella mischia e ho fatto gli ultimi che restavano, Madre e Padre, quello di Sorella è in arrivo in questo momento e gli altri sono già stati tutti consegnati. AAHHH la giooooiiiaaa! A rovinare tutta questa perfezione natalizia è però il lavoro (o meglio non lavoro.... va beh, lunga storia): domani devo fare un salto a Guantanamo Bay (vi è mancata?) per un tecnico, prevedo freddo e una gran rottura di scatole.

Ma non pensiamoci ora. Ora parliamo di libri! Vi propongo infatti la recensione di Gli amici silenziosi di Laura Purcell, edito DeA Planeta, che ringrazio per la copia digitale che mi ha fornito. 


Gli amici silenziosi
di Laura Purcell
DeA Planeta Libri | 382 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,00
27 novembre 2018 | scheda DeA Planeta

Inghilterra, 1865. Rimasta vedova e incinta del primo figlio, la giovane e inquieta Elsie parte alla volta della tenuta del marito insieme alla zitellissima cugina di lui, Sarah. Ma in quell'angolo di campagna inglese remoto e inospitale, l'opportunità di trascorrere in pace il periodo del lutto diventa qualcosa di molto più simile a una prigionia: un esilio opprimente in attesa che l'amato fratello Jolyon giunga da Londra a salvare Elsie dall'isolamento e dalla noia. A distrarre lei e Sarah dalla cupa atmosfera in cui sono sprofondate, solo l'intrigante diario di un'antenata dei Bainbridge, Anna, vissuta e tragicamente morta più di duecento anni prima; e la stanza in cui giacciono ammassate decine di figure di legno dalle sembianze realistiche e straordinariamente inquietanti. Quegli "amici silenziosi" che Anna si procurò allo scopo di deliziare ospiti illustri, presto costretti a ripartire in circostanze mai del tutto chiarite.

mercoledì 12 dicembre 2018

Recensione: Quest'anno non scendo - Casa Surace

Buongiorno lettori!
In questi giorni ho rallentato un pochino le attività bloggerecce, non c'è un motivo preciso ho solo un po' di blocco del lettore, o meglio ho voglia di leggere ma sto andando un po' più piano. Capitano questi periodi di fiacca (vero??? Vi prego datemi conferma!!!), soprattutto sul finire dell'anno. Ieri sera ho terminato la mia 79esima lettura del 2018, si tratta di Quest'anno non scendo di Casa Surace, per la cui copia devo ringraziare l'ufficio stampa Sperling & Kupfer.


Quest'anno non scendo 
Casa Surace
Sperling & Kupfer | Pandora | 290 pagine
ebook €8,99 | cartaceo €16,90
27 novembre 2018 | scheda Sperling & Kupfer

Antonio Capaccio è un giovane del Sud trapiantato al Nord. Dopo anni da fuorisede, tra università e stage, sta finalmente per raggiungere l'agognato obiettivo di ogni precario: il posto fisso. Ma è un sogno che si realizza a caro prezzo: Antonio dovrà restare a Milano durante le imminenti feste di Natale. Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non per una famiglia del Sud: sua madre Antonietta, ricevuta la telefonata sul baldacchino che la porta in processione per le vie del paese nelle vesti di Santa Lucia, grida disperata, tra la folla scoppia il caos e mezzo paese finisce in ospedale. Al capezzale della moglie, Rocco Capaccio si gioca tutte le promesse che un uomo non farebbe mai, purché lei si risvegli. Arriva a giurare di portarla fino a Milano per trascorrere il Natale insieme al figlio. E allora, miracolosamente, la donna apre gli occhi. Inizia così, a bordo di uno scassatissimo furgone Volkswagen anni Settanta, il viaggio verso Nord della famiglia Capaccio: genitori, nonni, fratello, zia, cugini e pure amici al seguito. Qualcuno affronta quei mille chilometri di asfalto con un desiderio segreto nel cuore: chi vuole fuggire per sempre dal paese, chi sfondare nella musica, chi ritrovare un amore perduto. Ci saranno sorprese e avventure, imprevisti e rivelazioni, tra epiche sfide di nonne ai fornelli, gemellaggi etilici Sud-Nord, nuovi amori e vecchi rancori. La famiglia rischierà di scoppiare, la destinazione sembrerà irraggiungibile. Ma al grido «Nulla separa una famiglia a Natale», i Capaccio saranno pronti a sfoderare un intero arsenale di astuzie e tradizioni pur di compiere quella missione impossibile. Tuttinsieme: perché una famiglia è una famiglia solo quando non si divide. Con "Quest'anno non scendo", gli autori e fondatori di Casa Surace - Simone Petrella, Daniele Pugliese e Alessio Strazzullo - firmano il loro primo romanzo.

lunedì 3 dicembre 2018

Recensione: Legend - Stephanie Garber

Buongiorno lettori!
Finalmente Dicembre, finalmente aria di Natale! Io ancora devo decorare casa ma questa settimana mi metterò all'opera con luci e lucette. Questa è la parte che preferisco del Natale, la magia che entra in ogni casa. E continuando a parlare di magia (guardate che collegamenti che creo!!) oggi vi propongo la recensione di Legend di Stephanie Garber, seconda avventura nel pazzo mondo di Caraval!


Legend
(Caraval #2)
di Stephanie Garber
Rizzoli | Rizzoli | 480 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,00
13 novembre 2018 | scheda Rizzoli

Dopo la travolgente avventura nel mondo magico e misterioso del Caraval, Donatella Dragna è riuscita finalmente a sfuggire al padre e a salvare la sorella Rossella da un disastroso matrimonio combinato. Ma Tella non è ancora libera; per ritrovare la madre Paloma ha stretto un patto disperato con un criminale misterioso, che vuole in cambio qualcosa che solo lei può dargli: il vero nome di Legend, il Mastro di Caraval. L'unica possibilità per scoprire il vero nome di Legend è vincere il nuovo Caraval, che si terrà a Valenda, l'antica capitale dove una volta regnavano i Fati, in occasione del genetliaco di Elantine, la sovrana dell'Impero di Mezzo. Tella dovrà quindi immergersi di nuovo nella competizione magica, tra le attenzioni di un inquietante erede al trono, una storia d'amore impossibile e una ragnatela di segreti, tra cui anche quelli di Rossella. Se fallirà non potrà mantenere il suo patto e rischierà di perdere tutto, compresa forse la vita. Ma se vincerà, Legend e il Caraval saranno distrutti per sempre.

sabato 1 dicembre 2018

Reading Journal #dicembre

Buongiorno lettori!!
È Natale!!! No? Ah ok, aspettiamo ancora un po'. Mica tanto per il Natale in sé, ma la speranza di trovare qualche bel libro o meglio ancora dei buoni d'acquisto sotto l'albero mi fa venir voglia di albero, decorazioni e lucette varie!
Come ogni primo giorno del mese torno con la rubrica Reading Journal, uno sguardo sul mese appena passato ma anche una piccola anticipazione di quello che leggerò nei prossimi 31 giorni.