giovedì 14 novembre 2019

Recensione: La Primula Rossa - Emma Orczy

Buongiorno lettori!
Scusate questi giorni di latitanza ma qua sembra che qualcuno mi abbia fatto un maleficio e me ne stanno succedendo una dopo l'altra. Tra le tante cose è saltata, ahimè, la trasferta milanese con le ragazze. Cercheremo di rifarci con l'anno nuovo ma mi è veramente pianto il cuore dover annullare tutto.

Accantoniamo per un momento la tristezza e parliamo di libri. Oggi vi racconto le mie impressioni su La Primula Rossa di Emma Orczy, rieditato di recente da Fazi Editore (è appena uscito il secondo volume).


La Primula Rossa 
(Le avventure della Primula Rossa #1)
di Emma Orczy
Fazi Editore | Le strade | 307 pagine
ebook €6,99 | cartaceo € 13,00
19 aprile 2018 | scheda Fazi Editore


Parigi, anno di grazia 1792. Il Regime del Terrore semina il caos. I "maledetti aristos", sventurati discendenti delle famiglie aristocratiche francesi, vengono mandati a morte dall'implacabile tribunale del popolo: ogni giorno le teste di uomini, donne e bambini cadono sotto la lama della ghigliottina. Ma in loro aiuto interviene un personaggio inafferrabile e misterioso, il quale, attraverso rocambolesche e ingegnose fughe, riesce a portare oltremanica i perseguitati del regime, nella libera Inghilterra. Dietro di sé non lascia tracce, se non il proprio marchio: un piccolo fiore scarlatto, che gli varrà il soprannome di Primula Rossa. Ma quale identità si cela dietro questo pseudonimo? Chi è l'audace salvatore, disposto a rischiare la propria vita in nome della nobile causa? L'incognita ossessiona l'astuto e crudele funzionario del governo francese Chauvelin e affascina l'alta società inglese: ma la soluzione del mistero si rivelerà tanto insospettabile quanto geniale. "La primula rossa", primo di un ciclo di romanzi scritto da Emma Orczy, è stato pubblicato nel 1905. Come scrive oggi Hilary Mantel, «la sua vera forza scaturisce dalla vivida qualità cinematografica della scrittura»: le immagini perfettamente inquadrate, l'emotività travolgente dei personaggi e l'equilibrio efficace tra narrazione e dialoghi hanno infatti conquistato generazioni di lettori e ispirato innumerevoli adattamenti per cinema, televisione e teatro. Ibrido tra spy story, romance e romanzo d'avventura, il ciclo della Primula rossa viene qui presentato in una nuova traduzione.

martedì 5 novembre 2019

Recensione: Questione di Costanza - Alessia Gazzola

Buongiorno lettori!
Qui nella mia Biblioteca ci stiamo ancora riprendendo dai bagordi di ieri per i festeggiamenti dei 7 anni! Volevo ringraziarvi perchè in tanti mi avete scritto entusiasti per il regalino che ho pensato per tutti voi ( e che per la cronaca resta lì eh, sempre a disposizione!) e per fare gli auguri al mio bloggettino!

Ma oggi torniamo nei ranghi e soprattutto torniamo a parlare di libri. Ho pronta per voi una nuova recensione. Oggi, infatti, vi parlo di Questione di Costanza di Alessia Gazzola, per la cui copia ringrazio la Longanesi.


Questione di Costanza
di Alessia Gazzola
Longanesi | La Gaja Scienza | 343 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,60
21 ottobre 2019 | scheda Longanesi

"Verona non è la mia città. E la paleopatologia non è il mio mestiere. Eppure, eccomi qua. Com'è potuto succedere, proprio a me? Mi chiamo Costanza Macallè e sull'aereo che mi sta portando dalla Sicilia alla città del Veneto dove già abita mia sorella, Antonietta, non viaggio da sola. Con me c'è l'essere cui tengo di più al mondo, sedici chili di delizia e tormento che rispondono al nome di Flora. Mia figlia è tutto il mio mondo, anche perché siamo soltanto io e lei... Lo so, lo so, ma è una storia complicata. Comunque, ce la posso fare: in fondo, devo resistere soltanto un anno. È questa la durata del contratto con l'istituto di Paleopatologia di Verona, e io - che mi sono specializzata in Anatomia patologica e tutto volevo fare tranne che dissotterrare vecchie ossa, spidocchiare antiche trecce e analizzare resti centenari - mi devo adattare, in attesa di trovare il lavoro dei sogni in Inghilterra. Ma, come sempre, la vita ha altri programmi per me. Così, mentre cerco di ambientarmi in questo nebbioso e gelido inverno veronese, devo anche rassegnarmi al fatto che ci sono delle scelte che ho rimandato per troppo tempo. Ed è giunto il momento di farle. In fondo, che ci vuole? È questione di coraggio, è questione di intraprendenza... E, me lo dico sempre, è questione di Costanza."

lunedì 4 novembre 2019

7 anni e non sentirli... più o meno


Buongiorno lettori!
E tanti auguri a me!!! O meglio a La Biblioteca di Eliza che oggi, proprio oggi, compie bene 7 anni. 
7 anni di libri belli, bellissimi, di libri brutti, bruttissimi (fortuna sono la minoranza), 7 anni di grafiche e di challenge, di recensioni e di gufetti che spuntano in ogni dove. 
Non sempre sono stati anni facili, sopratutto ultimamente; ogni tanto ammetto che pure io sono tentata di chiudere tutto, sopratutto davanti all'ennesima delusione, all'ennesimo blog furbetto che cerca di farsi spazio a colpi di "colpi bassi", all'ennesima mail che viene ignorata. Ma niente, io sono come la gramigna, qui sto e non me ne vado. E sapete perchè? Perchè se chiudessi e mi arrendessi l'unica a perderci sarei proprio io. Quindi sapete che vi dico? Chi se ne frega di tutto il resto, l'importante e chi io abbia ancora voglia di parlare di libri!

venerdì 1 novembre 2019

Reading Journal #novembre


Buongiorno lettori!
Oggi primo giorno del mese ma anche primo giorno di ponte (per chi ovviamente potrà farlo). Avete già dei programmi per queste giornate? Io, manco a dirlo, cercherò di leggere il più possibile, ma farò anche qualche giretto alla ricerca delle prime decorazioni natalizie (rassegnatevi!! Le luminarie sono tornate!!). 

Primo giorno del mese vuol dire anche Reading Journal! Quindi, tiro fuori il mio fidato quaderno e faccio il punto della situazione delle mie letture.

Ammetto di non aver letto moltissimo in questo mese di ottobre, ma mi sono arenata qualche volta di troppo su letture che non si sono rivelate eccezionali.


giovedì 31 ottobre 2019

Recensione: La vita segreta degli scrittori - Guillaume Musso

Buongiorno lettori!
E anche questo Halloween è arrivato! Pronti per dolcetto o scherzetto? Io al solito non aprirò la porta manco morta. E lo scherzetto? Ci provassero, tanto abitano tutti nella mia scala, quindi so a chi citofonare e far pulire. Lo so, torna prepotente in me il Grinch di Halloween! Sono  pessima anche a letture perchè non faccio neanche quelle a tema. Come ultimo libro di ottobre, invece, ho scelto La vita segreta degli scrittori di Guillaume Musso.


La vita segreta degli scrittori
di Guillaume Musso
La nave di Teseo | Oceani | 275 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €19,00
6 giugno 2019 | scheda La nave di Teseo


Nel 1999, dopo aver pubblicato tre romanzi di culto, il celebre scrittore Nathan Fawles annuncia la sua decisione di smettere di scrivere per ritirarsi a vita privata a Beaumont, un’isola selvaggia e sublime al largo delle coste mediterranee.
Autunno 2018. Fawles non rilascia interviste da più di vent’anni, mentre i suoi romanzi continuano ad attirare i lettori. Mathilde Monney, una giovane giornalista svizzera, sbarca sull’isola, decisa a svelare il segreto del celebre scrittore.
Lo stesso giorno, viene ritrovato sulla spiaggia il cadavere di una donna e le autorità mettono sotto sequestro l’isola, bloccando ogni partenza e ogni arrivo. Comincia allora un pericoloso faccia a faccia tra Mathilde e Nathan, in cui si scontrano verità occulte e insospettabili menzogne, e si mescolano l’amore e la paura…
Un romanzo indimenticabile, un affascinante mistero letterario che si rivela soltanto quando l’autore compie l’ultima mossa del suo piano diabolico.

martedì 29 ottobre 2019

Recensione: La regina imperatrice - Antonio Caprarica

Buongiorno lettori!
Il tempo qui inizia a peggiorare ed è apparsa la prima nebbia. Tempo da lupi, tempo da lettori! Con queste giornate più corte e cupe scatta in me la voglia di leggere e leggere. Ieri in particolare, nonostante una mattinata di giri e giretti, ho terminato nel pomeriggio La regina imperatrice di Antonio Caprarica, per la cui copia ringrazio infinitamente la Sperling & Kupfer!


La regina imperatrice
di Antonio Caprarica
Sperling & Kupfer | varia | 399 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,50
15 ottobre 2019 | scheda Sperling & Kupfer




Londra, 1870. La capitale inglese ribolle di scontento e sedizione. Sono passati trentatré anni da quando Victoria è salita al trono, nel tripudio popolare, il 20 giugno 1837: una diciottenne non bella, così piccola e rotondetta, gli occhi blu un po' sporgenti, ma vivace, intelligente e con modi accattivanti. E soprattutto, un temperamento volitivo. Le doti che, insieme al sostegno dell'adorato marito Albert, ne hanno fatto a lungo una sovrana ammirata. Chi la riconoscerebbe oggi nella tozza dama infagottata negli abiti neri del lutto, che dalla morte di Albert vive ritirata sull'isola di Wight o in Scozia, e si rifiuta ostinatamente di mostrarsi al suo popolo e di presenziare alle cerimonie nella capitale? Così, mentre il figlio ed erede Bertie consuma le notti al tavolo del baccarat o nel letto della demi-mondaine di turno, il prestigio della Corona affonda e il trono vacilla sotto i colpi dei repubblicani. Sarà questo l'epilogo di un regno iniziato magnificamente?

venerdì 25 ottobre 2019

Recensione: La scatola di cuoio - Gianni Spinelli

Buongiorno lettori!
Oggi vi parlo di un libro dalla storia particolare, che per certi versi mi ha incantata ma che per altri mi ha lasciato col dubbio. Si tratta di La scatola di cuoio di Gianni Spinelli, per la cui copia ringrazio l'ufficio stampa Fazi Editore.


La scatola di cuoio
di Gianni Spinelli
Fazi Editore | Le meraviglie | 213 pagine
ebook €7,99 | cartaceo €16,00
24 ottobre 2019 | scheda Fazi Editore


Un’insolita favola nera sull’invidia, l’avidità e i più bassi sentimenti umani.
Alla fine degli anni Cinquanta, in un paesino sperduto della Basilicata, un frate maledetto dal diavolo più che benedetto dal Signore mette su in maniera poco chiara una notevole ricchezza; in più, a casa di don Pantaleo, si sussurra, avvengono cose strane. «Il demonio è più castigato del Provinciale» affermano i suoi compaesani, immaginando che diverse donne “pittate” passino la notte nella sua casa-convento. Finché, un giorno, don Pantaleo viene ritrovato morto, accasciato su una scatola di cuoio. Parte subito un’indagine ma nel frattempo l’eredità del religioso – soldi, case e terreni – finisce nelle mani dell’arcigna donna Marta, moglie di un nipote e a sua volta non più giovanissima. Da qui avrà inizio una sanguinosa battaglia per l’eredità: tra cause intentate dai parenti, in un Sud all’inseguimento del bottino, la vicenda assumerà un carattere grottesco. Tra colpi di scena e agnizioni, in palio il succoso lascito di don Pantaleo, si snoda l’intera trama di questo libro, a metà tra la favola nera e un vero e proprio giallo, finché il mistero legato al testamento si scioglierà in un sorprendente finale che avrà tutto il sapore di una beffa.
Con uno stile ironico e una scrittura brillante, Gianni Spinelli costruisce una storia piena di sorprese in cui l’eco dei grandi classici del genere favolistico, da Barbablù al Canto di Natale, si mescola alla satira di costume per una riflessione in forma di commedia sui sette vizi capitali, con al centro una misteriosissima scatola.


giovedì 17 ottobre 2019

Recensione: La memoria di Babel - Christelle Dabos

Buongiorno lettori!
Oggi sarà una giornata piuttosto impegnativa e sarà tutto un corri corri, ma ho pensato di darvi il buongiorno con una recensione. Il libro di cui vi parlerò lo attendevo neanche da tanto, da aprile, ma la sua autrice ha questa grande capacità di creare dipendenza con la sua serie. Di che sto parlando? Ma de La memoria di Babel, terzo libro della serie L'attraversaspecchi, scritto da Christelle Dabos e portato in Italia dalla Edizione E/O che ringrazio immensamente per la copia di cui mi omaggiata (si, avete fatto tanto felice una persona che sta vivendo un periodaccio! Punti fragola per voi!).

La memoria di Babel
L'attraversaspecchi libro #3
di Christelle Dabos
Edizioni E/O | 482 pagine
ebook €12,99 | cartaceo €16,00
9 ottobre 2019 | scheda Edizioni E/O

Dopo due anni e sette mesi passati a mordere il freno su Anima, la sua arca, per Ofelia è finalmente arrivato il momento di agire, sfruttare quanto ha scoperto nel Libro di Faruk e saputo dai frammenti di informazioni divulgate da Dio. Con una falsa identità si reca su Babel, arca cosmopolita e gioiello di modernità. Basterà il suo talento di lettrice a sventare le trappole di avversari sempre più temibili? Ha ancora una minima possibilità di ritrovare le tracce di Thorn? Nel terzo volume della saga Christelle Dabos ci fa esplorare la meravigliosa città di Babel. Nel cuore di Ofelia vive un segreto inafferrabile, chiave del passato e, nello stesso tempo, chiave di un futuro incerto.

giovedì 10 ottobre 2019

Recensione: I Cieli - Sandra Newman

Buongiorno lettori!
Non vi nego che oggi io sia un po' in difficoltà nello scrivere la recensione de I cieli di Sandra Newman (per la cui copia ringrazio Ponte alle Grazie!), un libro che definire strano è poco. Ecco, preparatevi a leggere questa parola tante ma tante volte!


I Cieli
di Sandra Newman
Ponte alle Grazie | Scrittori | 246 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €16,80
3 ottobre 2019 | scheda Ponte alle Grazie

New York, 2000. Kate e Ben si incontrano a una festa e s'innamorano subito. È l'alba di un nuovo millennio, il primo senza una guerra in nessuna parte del mondo. L'ONU ha appena piantato la sua bandiera su Marte. Una senatrice del partito dei verdi sta per diventare la prima presidente degli Stati Uniti. Kate si addormenta, consapevole di essere amata. Londra, 1593. Da sempre, ogni notte, Kate sogna di essere Emilia, musicista e poetessa italiana nell'Inghilterra della fine del Cinquecento. Tormentata dal presagio di una città bruciata e distrutta, decide di salvare il mondo. Ogni decisione che prenderà, influenzerà la vita di un giovane e sconosciuto poeta, William Shakespeare, quella di Kate e di Ben, il mondo del Duemila. Una storia d'amore, di universi alternativi, di follia, di poesia e di viaggi nel tempo. Un sogno annidato in un bizzarro risveglio; un romanzo su quel che abbiamo perduto e quel che ancora possiamo salvare.

sabato 5 ottobre 2019

Recensione: Le ricamatrici della Regina - Jennifer Robson

Buongiorno lettori!
E buon sabato. Oggi vi parlo di un bel romanzo, che gira intorno ad uno dei matrimoni reali che più ha segnato la nostra epoca sotto svariati aspetti: Le ricamatrici della Regina di Jennifer Robson, per la cui copia ringrazio la HarperCollins Italia. 


Le ricamatrici della Regina
di Jennifer Robson
HarperCollins | 413 pagine
ebook €6,99 | cartaceo €18,50
26 settembre 2019 | scheda HarperCollins

Mentre osserva affascinata i deliziosi fiori ricamati a mano che la nonna le ha lasciato in eredità, Heather Mackenzie si rende conto che sono identici a quelli dello straordinario abito che la regina Elisabetta II aveva indossato quasi settant'anni prima, il giorno in cui, ancora principessa, era andata in sposa a Filippo Mountbatten. Le sono arrivati in una vecchia scatola che contiene anche una fotografia di nonna Ann insieme a Miriam Dassin, una famosa artista sopravvissuta all'Olocausto. Ma che legame c'è tra le due donne? Come mai si conoscevano? E da dove arrivano quei preziosi ricami? Incuriosita, Heather parte per Londra decisa a far luce sui segreti che circondano il passato della nonna. Quella che a poco a poco emerge dalle pieghe del tempo è la storia di due giovani ricamatrici che lavorano insieme presso la celebre casa di moda di Norman Hartnell a Mayfair. Ann è una ragazza inglese della classe operaia, Miriam, un'immigrata francese sfuggita ai nazisti e appena arrivata da Parigi. E proprio a loro, che sono diventate prima coinquiline e poi amiche, viene offerta un'opportunità a dir poco straordinaria: realizzare lo squisito e complicatissimo ricamo che ornerà l'abito da sposa della futura regina d'Inghilterra. Lo stesso ricamo che, dopo aver attraversato il tempo e l'oceano, sta per condurre Heather incontro al proprio destino.

martedì 1 ottobre 2019

Reading Journal #ottobre

Buongiorno lettori!
Salutate ottobre che è appena arrivato sui nostri calendari, anche se fuori sembra agosto. 
Con questo primo giorno del mese riprende la rubrica Reading Journal, con la quale faccio un p' il punto sulle mie letture e sulle recensioni che avete trovato sul blog. Iniziamo!


Dopo un'estate veramente povera ho affrontato settembre con un nuovo slancio e con ben 6 letture:


lunedì 30 settembre 2019

Recensione: Il gioco del silenzio - Rob Keller

Buongiorno lettori!
Ultima recensione per il mese di settembre. Oggi vi parlerò di Il gioco del silenzio di Rob Keller, per la cui copia ringrazio DeA Planeta Libri e Francesca Rodella.


Il gioco del silenzio
di Rob Keller
DeA Planeta Libri | 330 pagine
ebook €8,99 | cartaceo €16,00
24 settembre 2019 | scheda DeA Planeta Libri



Cristina era una criminologa, forse la migliore, ma ha lasciato la professione per occuparsi a tempo pieno di suo figlio Leone, che soffre di un disturbo di iperattività. Ma questa è solo la versione ufficiale, che ha creato per ingannare persino se stessa. La verità è che l'ultimo caso della sua carriera l'ha letteralmente distrutta, costringendola a cambiare vita e a rifugiarsi in una routine scandita da rigorose abitudini. Poi, un giorno, il telefono squilla. Uno zio a lei molto caro si è suicidato, nel paese sul lago di Como dove è cresciuta e dal quale è fuggita molti anni prima. Troppi incubi, troppi fantasmi, per Cristina, in quelle acque scure e profonde. Tornare sul lago significa ritrovare suo padre, con il quale ha un rapporto tormentato, e soprattutto rimettere piede nella Villa degli Orologi, la spaventosa tenuta dalla quale i Radlach controllano non solo gli affari di tutta la zona, ma anche le vite di chi vi abita. La donna resiste con ogni forza alla tentazione di indagare sulla morte dello zio, perché intuisce che la verità si annida nel groviglio di segreti che lega la storia della sua famiglia a quella dei Radlach. Ma quando Leone troverà in soffitta un orologio da taschino con una misteriosa dedica, diventerà impossibile non aprire il cassetto doloroso dei ricordi.

sabato 28 settembre 2019

In Agenda a Ottobre

Buongiorno lettori!
E buon sabato a tutti! Anche settembre sta per volgere al termine e bisogna iniziare a guardare ad ottobre e alle sue uscite. Ecco quelle che attendo con più ansia, per tutte le altre vi rimando al Calendario delle Uscite!



La città invisibile
di Monika Peetz
Corbaccio | Narratori Corbaccio | 384 pagine
ebook €10,99 | cartaceo €18,60
3 ottobre 2019 | scheda Corbaccio


«Questa ragazza ha troppa fantasia...» è il solito, lamentoso ritornello che Lena sente a casa della zia Sonja, dove vive insieme alle due cuginette, e dove si sente una perfetta estranea. La sua migliore amica, Bobbie, sostiene che sia così per tutte le quindicenni, ma Lena sa che per lei è diverso. C'è una ferita nel suo passato che non si rimargina. Aveva solo quattro anni quando i suoi genitori sono morti in un incidente e ogni suo tentativo di sapere qualcosa di più su di loro si infrange contro un muro di silenzio. La zia non vuole raccontarle niente e tutto quello che Lena ha della sua infanzia è una foto di loro tre, felici, sul divano di casa. Poi, un giorno, rovistando in un vecchio scatolone, Lena trova dei ricordi di famiglia, libri, giocattoli e soprattutto un orologio ottagonale, nuovo fiammante, sul quale è incisa una data antecedente alla sua nascita e il suo nome. Dunque c'era una Lena prima di lei nella vita dei suoi? Che cosa nasconde quell'orologio dallo strano quadrante che ripete i numeri da zero a nove? E perché subito dopo che lo ha indossato Lena incontra un affascinante ragazzo dagli occhi di colore diverso che sembra sapere molte cose sul suo conto? È solo l'inizio di un'incredibile avventura che catapulterà Lena in un mondo segreto e misterioso, quello della Città invisibile, in cui dovrà capire di chi può fidarsi davvero e dove forse potrà trovare le risposte che cerca sul suo passato.

venerdì 27 settembre 2019

Recensione: Nevernight. Mai dimenticare - Jay Kristoff

Buongiorno lettori!
Oggi vi parlo di uno dei libri più attesi e chiacchierati di questo mese di settembre. L'attesa è stata tanta, tantissima, e i lettori di tutta Italia hanno preso d'assalto librerie e negozi on line per accaparrarsene una copia, di cosa parlo? Di Nevernight. Mai dimenticare di Jay Kristoff (che domani, vi ricordo sarà a Milano per incontrare i lettori e firmare qualche copia). 


Nevernight. Mai dimenticare
(Libro primo degli accadimenti di illuminotte
di Jay Kristoff
Mondadori | Oscar Fantastica | 462 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €20,00
3 settembre 2019 | scheda Mondadori

Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gli amici - più letali, e sopravvivere alla protezione di assassini, mentitori e demoni, nel cuore stesso di una setta dedita all'omicidio. La Chiesa Rossa non è una scuola come le altre, ma neanche Mia è una studentessa come le altre. Le ombre la amano. Si nutrono della sua paura.

giovedì 26 settembre 2019

[BookSwiffer] Recensione: La distanza che ci separa - Renato Cisneros

Buongiorno lettori!
Guardate un po' che cosa torna oggi?! Dopo una pausa di qualche mese (colpa mia!) si riaffaccia tra queste pagine BookSwiffer, la rubrica che "Marie Kondo spicciace casa" (eh eh, adatto questa volta il mio titolone ad effetto)! In compagnia di Laura La Libridinosa e Stefania "Bacci" di Due lettrici quasi perfette, recuperiamo 5 libri tra quelli che da più tempo stazionano in casa nostra e li proponiamo alle altre due che, a loro volta, ne sceglieranno uno che sarà letto. La mia cinquina per questo mese era la seguente:



  • La distanza che ci separa - Renato Cisneros
  • Gli spaiati - Ester Viola
  • La canzone di Achille - Madeline Miller
  • La sirena e Mrs Hancock - Imogen Hermes Gowar
  • Snob - Jullian Fellowes 









E le ragazze hanno scelto per me... La distanza che ci separa di Renato Cisneros


La distanza che ci separa
di Renato Cisneros
Bompiani | Narrativa straniera | 352 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €19,00
20 marzo 2019 | scheda Bompiani

"La mia libertà dipende dalla scrittura. E quanto più scrivo più sarò vicino alla libertà." È sotto l'effetto di questa spinta, di questa necessità, che Renato Cisneros, scrittore e noto giornalista, si mette alla ricerca dell'uomo che è stato suo padre prima che lui nascesse, prima che diventasse un genitore inflessibile e una figura pubblica tanto potente quanto controversa nel Perù degli anni settanta e ottanta, il generale Luis Federico "il Gaucho" Cisneros. La distanza che ci separa è una saga famigliare che si ramifica in tutto il Sudamerica, tra famiglie illegittime, rivoluzioni e matrimoni contrastati; è un figlio che dopo aver perso il padre inizia a ripercorrere la sua storia tra fotografie in bianco e nero, pagelle scolastiche e lettere. Perché proprio nelle parole scritte pare celarsi la verità, l'essenza dell'uomo nascosto dal personaggio pubblico. Un romanzo insieme documentale ed emozionale.

lunedì 23 settembre 2019

Recensione: Alla fine del viaggio - Antonio Fusco

Buongiorno lettori!
Continuo con il recupero delle recensioni lasciate indietro durante l'estate. Oggi vi parlo dell'ultimo libro uscito di uno dei miei autori del cuore, Antonio Fusco. A fine maggio è, infatti, uscito un nuovo romanzo con protagonista Tommaso Casabona, Alla fine del viaggio. Io l'ho letto (ahimè andando un po' a rilento) a giugno ed ecco finalmente la mia recensione.


Alla fine del viaggio
Solitudine per il Commissario Casabona
di Antonio Fusco
Giunti | M | 228 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €16,00
29 maggio 2019 | scheda Giunti

È la vigilia del palio di San Jacopo nella cittadina toscana di Valdenza, ma il commissario Casabona non è in vena di festeggiamenti: mentre sui tetti del centro storico esplodono i fuochi d'artificio, la moglie gli annuncia che sta per andarsene di casa. Un duro colpo per il commissario, che nonostante i problemi con Francesca non aveva mai pensato che il loro legame potesse davvero spezzarsi. Nemmeno il tempo di piangere la fine del suo matrimonio, che una telefonata lo richiama immediatamente al dovere: un uomo è stato ucciso da un treno in corsa. Un fatale incidente? Tutt'altro, visto che la vittima è stata legata a una sedia a rotelle e lasciata sui binari. Chi è quell'uomo che nessuno riesce a identificare? Perché l'assassino ha scelto un'esecuzione così plateale? Ed è solo una coincidenza che qualche anno prima, nello stesso luogo, un ragazzo sia stato travolto da un treno? Nella solitudine della sua casa ormai vuota, Casabona è tormentato dai dubbi. E mentre i primi indizi portano sulla strada della pedofilia, nuove morti inspiegabili arrivano a spazzare via ogni certezza. Come se ci fosse una regia occulta a spostare le pedine in campo. Qualcuno assetato di sangue e di vendetta. Qualcuno che viene dal passato, per regolare tutti i conti in sospeso...


mercoledì 18 settembre 2019

Recensione: Il mio nome era Anastasia - Ariel Lawhon

Buongiorno lettori, 
oggi torniamo in dietro nel tempo di qualche decennio e parliamo dei Romanov. Vi propongo, infatti, la recensione de Il mio nome era Anastasia di Ariel Lawhon


Il mio nome era Anastasia
di Ariel Lawhon
Piemme | Storica | 448 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €19,50
25 giugno 2019 | scheda Piemme


Era il 16 luglio del 1918 quando i tumulti che scuotono la Russia dopo la Rivoluzione d'Ottobre prendono forma in uno degli atti più violenti che la storia dell'impero ricordi: l'esecuzione a sangue freddo dell'intera famiglia dello zar Nicola II Romanov. Sua moglie e i suoi figli furono tutti freddati a colpi di fucile nei sotterranei della casa di Ekaterinburg dove erano agli arresti domiciliari. Nessuno sopravvisse, o almeno così si pensò.È il 17 febbraio del 1920 quando una giovane donna viene ritrovata a Berlino, in un canale, vicina alla morte per assideramento. In ospedale, ormai salva, i medici scoprono che il suo corpo è ricoperto di orrende cicatrici. E quando finalmente la donna apre bocca, sarà per dire il proprio nome: Anastasia. In molti non le credono: per loro è solo Anna Anderson, una polacca emigrata in Germania, a cui interessa soltanto la fortuna della famiglia zarista. Ma in Europa comincia a diffondersi, tra reali in esilio e circoli dell'alta società, la voce che la giovane Anastasia sia sopravvissuta. Che la figlia più piccola dello zar Nicola II e della zarina Alessandra, la spericolata bambina che tutti amavano, sia ancora viva.