Passa ai contenuti principali

Caro 2018....


Caro 2018,
vedi che non era difficile non essere un anno di m…. Marmellata??? Finalmente un anno non completamente deficiente!! Che hai notizie del 2017? Se lo senti ricordagli una cosa da parte mia… che DEVE ANDA' A MORI' AMMAZZATO!! Così, tanto per non dimenticare i francesismi di 12 mesi fa.

Ma veniamo a te, caro 2018. Sei stato un anno con i suoi alti e bassi, ma nel complesso ti sei comportato bene, sei stato caruccio, hai sporcato poco… Bravo! Mi hai persino dato qualche gioia! E scusa lo stupore ma qua tra anni del cacchio e anni che hanno infilato la testa nel forno non ce la siamo mai passata tanto bene. Tu invece mi hai portato Genzano Visconti ( dai Lallì lo so che non si chiama così!! Sono burlona io! E’ ovvio che si chiami … Gargamella Visconti?), Primark e un accenno di povertà (ma Di Maio & Co devono ringraziare me e Lallì se l’economia quest’anno non è colata a picco!! Noi la facciamo muovere!! A noi Draghi fa un baffo!!), Tempo di Libri 2, lampade di sale pesanti quanto tutta la metropolitana di Milano (chissà se Giulia l’ha ancora o se non è più riuscita a spostarla…), la Vignolo che ci ha veramente portato il dolcetto (santa subito!), travi che sono diventate le migliori amiche di Cristina, Pedalina e Liquirizia (rispettivamente cagnino e  gattuccio di Lallì). Ecco, bravo 2018!
Ti dirò, con te pure il lavoro a Guantanamo non è stato così malaccio… 
Ora ripristiniamo una vecchia tradizione che con 2017 (CHE PESTE TI COLGA!!!) avevamo saltato, ma di quello non mi fidavo (per me non sa manco scrivere), e vai a prendere carta e penna, così lasciamo due righe per 2019 (NOOO, non devi toccare le penne mie!!! GIÙ LE MANI DAI TOMBOW!! Ecco, usa la Bic…). Allora, ci sei? Scrivi eh, preciso preciso…

Ciao 2019!! Lo so, sei appena nato, uh che piccino che sei, carino tatino…. Sentimi bene bello, a me non me ne frega niente che tu sia appena arrivato, che non sai dove stanno gli interruttori o la farmacia più vicina  tu sta al tuo posto e non ci saranno tragedie tra 365 giorni e con tragedie intendo la tua fine violenta… ci siamo capiti?? Guarda cosa ha fatto 2018 e tu fa preciso e non avremo problemi! Ah si… Benvenuto!


E con la tradizionale letterina all’anno appena trascorso si chiude il 2018 anche qui sul blog. Dopo 83 libri letti (ben 2 più dello scorso anno) mi preparo a festeggiare l’inizio di un nuovo anno e di nuove sfide. Domani ci sarà il Reading Journal con la Tbr e nei prossimi giorni anche un bilancio letterario (se ci riesco); da pochi giorni è iniziata ufficialmente la nuova Reading Challenge “Dalle 3 Ciambelle” a cui vi invito a partecipare se già non siete iscritti (potete segnarvi fino al 6 gennaio 2019 QUI) perchè con Laura e la Bacci vi garantiamo ottime letture, divertimento e anche della buona pizza. E poi ci saranno nuove recensioni, nuove chiacchiere, tante foto, una nuova Challenge di Goodreads… insomma, vi terrò compagnia anche nel 2019. Vi auguro un Buon Anno Nuovo, stasera divertitevi, mangiate, fate tombolate (non mi dite che siete quelli che alla prima estrazione già urlano ambo???!!!), non fate i botti (ve lo chiedo col cuore, pensate ai nostri amici pelosi che si spaventano!). Noi ci rileggeremo domani!!


Alla prossima


Commenti

  1. Voi Ciambelle siete una delle cose belle del mio 2018! :)

    RispondiElimina
  2. Buona fine e buon inizio e fate botti-ni al tavolo verde invece che botti, oppure bevete una bottiglia almeno così non darete fastidio a nessuno

    RispondiElimina
  3. Questo è il post che aspetto con trepidazione ogni anno. Non solo questo, sia chiaro. Ti leggo spesso, leggo le tue recensioni e prendo appunti per nuovi libri da leggere (che puntualmente però non leggo per X motivi).

    Stasera terremo il micio al sicuro dai botti anche se qua da me tutte le sere sparano e non sappiamo che altro fare per lui. Eh sì io sono una di quelle che urla "ambo" alla prima estrazione, ci divertiamo un sacco lo stesso. Anche qua siamo rimaste povere ma soddisfatte.

    Dopo la tragedia devo ricominciare tutto da capo ma sono ottimista. Si tratta solo di un nuovo inizio, proprio come il nuovo anno. Ti auguro buon anno e ti mando un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che scoccia aver perso tutto, ma guarda il lato positivo, ricominciando da zero puoi evitare le cose che magari non ti avevano convinto tanto a loro tempo. ;)

      Elimina
  4. L’economia no, ma i nostri portafogli sono affogati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colati a picco proprio, della serie Titanic spostate va'!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!