Passa ai contenuti principali

Teaser Tuesdays #46

Teaser Tuesdays è una rubrica, ideata dal blog Should Be Reading, con la quale vi presenterò, ogni settimana, un breve brano tratto dal libro che sto leggendo in quel momento. Per partecipare basta seguire queste semplici regole:


  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri una pagina a caso
  3. Trascrivi un breve pezzo, facendo attenzione a non fare spoilers
  4. Riporta titolo e autore del libro

Il teaser di questa settimana è tratto da un libro che in realtà non ho ancora iniziato, ma è già pronto per essere aperto nel pomeriggio, non appena rientro a casa. Si tratta de Il segreto del Grace College di Krystyna Kuhn...


Per un secondo regnò la quiete. Un silenzio confuso, in cui tutti ascoltarono il lungo grido che risuonava tra i monti. Nemmeno i latrati rochi del cane riuscirono a soverchiarlo. Quindi si udirono delle voci concitate; alcune ragazze strillarono come matte e l’agitazione presto si trasformò in panico. Tom saltò giù dal bidone e corse verso il pontile, imitato da gran parte degli studenti.
Le assi rimbombarono sotto i loro piedi, la ringhiera vacillò pericolosamente e per un attimo sembrò che le tavole potessero andare in frantumi da un momento all’altro. Tuttavia, come per miracolo, il pontile resse il peso della folla che, arrivata in fondo, fissò il lago. Si era alzato un forte vento.
«È successo qualcosa!» Anche David balzò in piedi e seguì gli altri.
Julia restò seduta. Chiuse gli occhi e non si mosse.
Ascoltò la paura che le volteggiava sopra la testa come i rapaci della prima sera, quando Alex li aveva portati in quella valle isolata.
Dove sono finiti gli uccelli? si domandò. Non li aveva più rivisti. Mai più. Mai più rivisti.
Poi pensò ai pesci.
Vide i loro occhi spenti davanti a sé. Immaginò il lago che straripava dei loro corpi freddi e senza vita.
Il lago è morto, aveva detto Robert.
La sua voce non era forse velata di nostalgia?
Un urlo le vibrò nelle orecchie. No, non aveva nulla a che fare con lei. Altrimenti l’avrebbero chiamata, giusto?
Si accoccolò sul divano. Sentì le molle rotte contro la schiena e scrutò l’oscurità dentro di sé.
Fin da piccolo, Robert era stato in bilico sul confine sottile che separa realtà e fantasia. Sempre sul punto di scivolare. La mamma temeva che si sarebbe rifugiato in un mondo tutto suo, fatto di visioni e fantasticherie. Julia però non ci aveva mai creduto. Era solo una storia inventata dalla mamma per giustificare il fatto che, ogni tanto, il suo pupillo si rintanava negli angoli oscuri della propria mente, dove non esisteva più nessun controllo.
Non ci aveva mai creduto e aveva fatto bene.
«Julia!» Qualcuno s’inginocchiò davanti a lei. Alzò gli occhi. Era Chris. «Julia, mi senti? Perché te ne stai seduta qui? Robert si è buttato in acqua! Julia, devi aiutarci! Tuo fratello sa nuotare? Julia!»
Lentamente, molto lentamente, le parole si fecero strada nella sua coscienza. Julia si sforzò di tornare al presente. Robert non nuotava male, ma aveva sempre odiato a morte le gare cui lo sfidava papà. Ma perché Chris voleva saperlo? «È… Detesta l’acqua!» Iniziò a tremare.
«Credo stia nuotando verso il Green Eye», urlò una ragazza.

Ho questo libro da parecchio e credo sia arrivato il momento di iniziarlo!! Se l'avete letto mi dite come vi è sembrato?

Alla prossima
Eliza

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!