Passa ai contenuti principali

Teaser Tuesdays #33

Teaser Tuesdays è una rubrica, ideata dal blog Should Be reading, con la quale vi presenterò, ogni settimana, un breve brano tratto dal libro che sto leggendo in quel momento. Per partecipare basta seguire queste semplici regole:
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri una pagina a caso
  3. Trascrivi un breve pezzo, facendo attenzione a non fare spoilers
  4. Riporta titolo e autore del libro

Anche questa settimana il libro che sto leggendo mi è stato gentilmente inviato dalla sua autrice, si tratta de Il giardino degli aranci . Il mondo di nebbia di Ilaria Pasqua, e questo è il teaser casuale che vi propongo...


Le undici erano ancora lontane. Era stata la mancanza della seconda colazione a farla vacillare? I biscotti forse non erano bastati. O le domande che erano sorte spontaneamente alla vista di quella maledetta mappa? Non lo sapeva ma non riusciva a smettere di pensare, a liberarsi da quella sensazione d’indeterminatezza. Nonostante fosse appannata, la sua mente volava in una direzione tutta sua e lei non riusciva a stargli dietro. Era come se fosse diventata un corpo estraneo che non rispondeva più al suo controllo. I suoi pensieri schizzavano in avanti a tutta velocità e lei si sentiva come se corresse in un mare di fango denso, che le impediva anche solo di camminare normalmente.
La mano sinistra cominciò a tremare. Aria la fermò con l’altra, cercando di tenere duro. Era passata solo mezz’ora. Notò che Will ogni tanto si girava a controllarla.
Stupido, pensò Aria ancora arrabbiata. La gamba destra ebbe un fremito, la sentì formicolare, come quando il sangue non riesce a scorrere bene. Eppure il jeans non era troppo stretto. Stese delicatamente la gamba e vide il piede spuntare dal banco, anche quello sembrò tremare. Lo tirò indietro.
Ceci sembrava preoccupata, ma era talmente impegnata a stare dietro agli appunti che poteva girarsi solo di rado.
Nonostante sentisse terribilmente freddo, delle gocce di sudore iniziarono a spuntare dalla fronte di Aria, che non aveva la forza di alzare le braccia per asciugarsele e le lasciò stare. Che facessero pure i loro comodi.
Erano le dieci, era trascorsa un’altra ora. Avrebbe voluto accasciarsi sul banco e riposare, ma avrebbe dato sicuramente nell’occhio, perciò si appoggiò solo allo schienale. Le girava la testa ma non era una tipa da farsi soccorrere, si sarebbe ripresa e l’avrebbe fatto da sola. Lei solitamente non aveva paura di nulla, eppure nelle ultime quarantotto ore erano sorte molte cose a spaventarla. L’incertezza era la cosa peggiore di tutte.

Sono ancora all'inizio del libro però sto trovando la storia particolare e originale, molto piacevole. Vedremo come prosegue!

Alla prossima
Eliza

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli.