Passa ai contenuti principali

Chi ben comincia... #29

Chi ben comincia...è la rubrica, creata da Alessia del blog Il profumo dei libri, con la quale vi presento l'incipit di un libro preso a caso dalla mia libreria. Ecco le regole della rubrica:

- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti



Il libro di questa settimana è nella mia libreria da un bel po' (mi pare sia uscito nel 2010-2011 e io l'ho preso forse qualche mese dopo l'uscita...Ma lo spolvero tutte le settimane!!), ma ancora non ho avuto modo di leggerlo. Si tratta de Il segreto del Grace College di Krystyna Kuhn...


Lo stridore dei freni riscosse Julia dal dormiveglia. Erano a un’altitudine di quasi duemila metri e il fuoristrada stracarico pareva gemere a ogni curva. Non c’era da meravigliarsi: la Land–Rover s’inerpicava lungo i tornanti scoscesi da più di un’ora, ed evidentemente non era più nuovissima.
L’ultimo spenga la luce! La mamma lo diceva sempre, ogni volta che uscivano di casa. In effetti, Julia aveva l’impressione che, non appena avevano lasciato Fields – un paesino sperduto sulle Montagne Rocciose –, qualcuno avesse spento il sole.
Guardò fuori del finestrino impolverato. Si vedeva solo un breve tratto della strada che serpeggiava lungo la montagna, una striscia d’asfalto grigio e umido che scintillava nella luce fioca dei fari. I profili delle conifere che fiancheggiavano la carreggiata si stagliavano contro il cielo buio.
Julia non aveva mai visto alberi così alti. Le loro cime si protendevano, minacciose, lasciando a malapena intravedere le stelle. Era un comitato d’accoglienza piuttosto inquietante, la cui presenza aveva un unico scopo: proteggere la valle dagli intrusi.
Intrusi come lei?
Oppure come i rapaci che volteggiavano sopra gli alberi, pronti ad avventarsi sull’auto che disturbava la quiete della loro zona di caccia?
I fari illuminarono un cartello sul bordo della strada.
ATTENZIONE!
CADUTA MASSI
Poco dopo, il bosco alla loro sinistra si diradò e una roccia allungata ostruì la visuale; per un attimo, a Julia sembrò che l’auto ci stesse andando a sbattere contro. Poi la Land–Rover sterzò bruscamente verso una profondissima gola. Lei fu schiacciata contro il sedile mentre la vettura procedeva a scossoni lungo il ponte, probabilmente fatto di tavole di legno. Davanti a lei, Robert sbattećontro il poggiatesta del passeggero, ma non si svegliò.
Accidenti, le si era intorpidita la gamba, anzi le pareva di non averla più. Provò a muoverla e urtò qualcosa di morbido. L’enorme cane nero ai suoi piedi la fissò con occhi aggressivi e ringhiò piano.
«Scusa, Ike», sussurrò Julia per rabbonirlo.
Lei non era un’amante della natura. Era nata in città.
Ma non doveva pensarci.
Non ora.
Non più. Julia Frost e suo fratello Robert, di un anno più giovane, viaggiavano da due giorni verso il Grace College, situato nell’omonima valle sulle Montagne Rocciose.

La copertina di questo libro mi piace un sacco! Spero che anche la storia sia bella! Lo devo leggere! Anzi, appena finito qui, lo metto tra i primi della pila!

Alla prossima
Eliza

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!