Passa ai contenuti principali

Il 28 gennaio 1813 veniva pubblicato 'Pride and Prejudice'

Buon lunedì a tutti!
Oggi è una giornata un po' particolare perchè ricorre un anniversario che, per un amante di Jane Austen come me, non può certo sfuggire: il 28 gennaio 1813 venne pubblicato, anonimo, Pride and Prejudice.
Il libro forse più famoso di Jane Austen nasce in realtà molto prima, quando l'autrice ha appena 22 anni, con il titolo Firth Impressions; per poi essere ripreso e rimaneggiato fino alla pubblicazione del 1813 (sotto il nome "dall'autore di Ragione e Sentimento").
In questo libro Jane Austen da tutta se stessa e in ogni pagina c'è lei, in ogni personaggio, in ogni ambiente. Fin dalla prima pagina, fin dal famoso incipit, Jane Austen da una svolta al romanzo contemporaneo. Scrivendo questa storia, per altro in se semplice, riporta tutto il suo mondo e ci fa conoscere un'epoca a noi molto lontana, ma in qualche modo vicina. Crea una vera  e propria magia, un qualcosa che, nonostante i 200 anni passati, ci porta ancora a leggere e rileggere questo meraviglioso libro.
Non dimentichiamoci poi che è una dell più belle storie d'amore mai scritte, tra Elizabeth e Mr. Darcy, lei giovane, intelligente e pungente ragazza della campagna inglese, lui gentiluomo per antonomasia. Tutto gira intorno alle prime impressioni che l'uno di fa sull'altra e viceversa, in un ricorrersi, scontrarsi e allontanarsi continuo.


Qualche tempo fa ho acquistato Lettere di Jane Austen (ed. Costan&Nolan), una lettura molto bella perchè ci permette di conoscere una Jane Austen quotidiana proprio sbirciando tra le sue , ahimè poche, lettere. Vi propongo qui una lettera scritta da Jane (eh per me è come una sorella oramai...) a Cassandra da Chawton il  venerdì 29 gennaio 1813 in cui le annuncia la pubblicazione...

Chawton, venerdì 29 genn.
[...]
Voglio dirti che è arrivato il mio adorato "bambino" da Londra; mercoledì ne ho avuto una copia, mandata per mezzo di Falknor, con tre righe di Henry per dire che ne aveva data un'altra a Charles e inviata una terza, con la diligenza, a Godmersham: proprio i due ambienti in cui meno desideravo si diffondesse. 
[...]Oggi per la prima volta, l'annuncio è sul nostro giornale: 18 scellini. Dovrà chiedere £ 1,1 s. per i due prossimi e £ 1,8 s. per il più stupido di tutti. Scriverò a Frank per non fargli pensare che lo trascuro. Miss Benn ha pranzato da noi proprio il giorno in cui sono arrivati i volumi; la sera, ci siamo messi d'impegno e le abbiamo letto metà del primo, premettendo che, avendo saputo da Henry che sarebbe stata pubblicata una tale opera, lo avevamo pregato di mandarcela appena forse apparsa. [...] Se si è divertita povera anima! Non poteva essere diversamente, sai, con due tipi come noi a dare il "la", ma pare che ammiri davvero Elizabeth: devo confessare che la trovo la creatura più deliziosa che mai sia apparsa sulla carta stampata e non so proprio come farò a sopportare quelli cui almeno lei non piacerà. [...]
Lettere

di Jane Austen
ed. costa&nolan
pp. 355
€ 8,60

E qualche giorno dopo, sempre in una lettera alla sorella Cassandra, aggiungeva...

Chawton, giovedì 4 febbr.
[...] Nell'insieme comunque, mi sento discretamente tronfia e soddisfatta. L'opera è un po' troppo leggera e brillante e spumeggiante. Ci vorrebbe qualche ombra, ci vorrebbe, qui e là, qualche altro capitolo lungo e piemo di buonsenso, se possibile, o, altrimenti, di solenni, speciose sciocchezze su qualcosa che non abbia nulla a che fare con la trama. [...]

Per me Jane è stata una scoperta fondamentale che mi ha veramente portato nel mondo della lettura in senso pieno. Ricordo ancora con gioia la prima volta che ho letto Orgoglio e Pregiudizio: avrò avuto 13 anni circa e passai un'intera domenica, per altro freddissima, a leggere e leggere, a far la conoscenza di Elizabeth, a invaghirmi come una pazza di Mr Darcy, a prendere in giro Mr Collins. E sicuramente oggi riprenderò in mano la mia copia ingiallita, la stessa di 18 anni fa, e rileggerò questo libro meraviglioso.
Grazie Jane!

Eliza

Commenti

  1. Un giorno memorabile davvero!!!
    La lettura di una vita... è nella mia personale top ten dei libri più belli in assoluto ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli.