Passa ai contenuti principali

Recensione: Green - Kerstin Gier

Buongiorno a tutti!
Oggi torno con una recensione. Ho appena finito l'ultimo libro della trilogie de Le Gemme, cioè Green di Kesrtin Gier. Nei giorni intorno a Capodanno non ho avuto molto tempo per leggere e quindi ero rimasta un po' indietro, ma ieri sera, finalmente, mi sono fatta una bella seratona sotto le coperte a leggere, e ho finito col leggere tutto il libro (avevo letto neanche un centinaio di pagine fino ad allora!).

Green
di Kerstin Gier
ed. Corbaccio
pp. 450
€ 16,60
Trama
"Sono davvero contento di avere chiarito le cose. In ogni caso resteremo sempre buoni amici, giusto?" Quando un ragazzo dice così a una ragazza non è che la renda pazzamente felice. Se poi il ragazzo in questione è Gideon de Villiers, occhi verdi e capelli corvini, Gwendolyn Shepherd, la destinataria del messaggio, si sente precipitare decisamente negli abissi dell'infelicità. E sì, perché, nelle due settimane che le hanno sconvolto la vita, facendole quasi dimenticare di essere una normale studentessa di sedici anni di una normale scuola londinese, Gideon le era sembrato la sua unica ancora di salvezza. Solo da due settimane, infatti, Gwen ha scoperto di essere predestinata a viaggiare nel tempo per portare a termine una missione pericolosissima da cui dipende il destino dell'umanità intera. Una faccenda che, in realtà, non le interessa affatto, diversamente dalla cugina Charlotte, che era convinta di essere lei la predestinata e che era stata educata ad affrontare situazioni e persone di ogni tempo e ogni luogo. Solo per Gideon, il suo compagno di viaggi nel passato, Gwen ha trovato sopportabile l'essere sballottata da un secolo all'altro alla ricerca di un cronografo perduto, ma ora perché dovrebbe continuare a lasciarsi tiranneggiare dall'implacabile setta dei Guardiani? D'altra parte, è vero che a poco a poco sta scoprendo segreti insospettabili sulla propria famiglia che la riguardano molto da vicino...

Recensione
Questa trilogia mi è piaciuta tantissimo. Si ride, si sta col fiato sospeso, si versa qualche lacrimuccia (si, lo ammetto ieri sera mi sono commossa in un paio di punti). Veramente coinvolgente. Inizialmente temevo un po' il libro finale. Da una parte avevo paura di rimanere delusa, dall'altra mi spiaceva che l'avventura di Gwendolyn si fosse conclusa con quel libro. Io mi affeziono ai personaggi, e alla parola fine vorrei sempre che seguisse un capitoletto in cui mi si dica "Bhè, poi è successo questo questo e questo". 
Ovviamente, come potete ben capire, non sono affatto rimasta delusa, anzi Gwen, Gideon, Xemerius, Leslie, mi sono entrati un po' nel cuore. 

Il libro parte con una Gwendolyn dal cuore spezzato per colpa di Gideon, che candidamente le ha confermato di averla sedotta, ma di non amarla. "Restiamo amici" le dice, e francamente fossi stata nella povera Gwen uno schiaffone non glielo avrebbe tolto nessuno. Ma la storia non si ferma qua. Gwen deve ancora saltellare qua e là nel tempo e soprattutto deve partecipare ad un grande ballo, nel XVIII secolo, dove re incontrerà il misterioso Conte di Saint Germain. E proprio il ballo sarà un momento importantissimo che cambierà non solo la nostra storia, ma anche la vita della protagonista. Qualcosa, infatti, non va della misteriosa loggia dei Guardiani, qualcuno gioca sporco per il proprio interesse e finirà col mettere in pericolo la vita di Gwendolyn.
Naturalmente non vi posso dire di più (e vi assicuro che è difficilissimo!!), ma in Green tutto torna, anche episodi avvenuti nei libri precedenti, come piccoli accenni posti qua e là.
Lo stile è quello della Gier, semplice, diretto, scorrevole, coinvolge il lettore e si è tentati di continua a leggere per ore (cosa per altro che ho fatto!).
Ora però mi sento un po' orfana, mi ero veramente affezionata a questa trilogia e ai sui personaggi. Cosa faranno Gwendolyn e Gideon? Charlotte continuerà ad essere una strega o deciderà di aggiungere un po' di zucchero al caffè la mattina? Leslie e Raphael staranno insieme? Mr George si prenderà una vacanza? Cosa ne sarà della loggia dei Guardiani ora? Ho già nostalgia!

Voto




Eliza

Le recensioni degli altri libri della serie...



Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno - Benjamin Stevenson

Buongiorno lettori! Come finire questa settimana? Ma con un bel giallo! Oggi vi parlo di una novità Feltrinelli, Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson (grazie all'ufficio stampa per la copia del romanzo!)... titolo stuzzicante vero?

Recensione: La disperata ricerca d'amore di un povero idiota - Pif

Buongiorno lettori! Oggi su questi schermi appare la recensione di La disperata ricerca d'amore di un povero idiota di Pif, gentilmente fornito dalla Casa Editrice.