Passa ai contenuti principali

Teaser Tuesdays #21

Buongiorno amici lettori!
Oggi il tempo non sa cosa vuole fare: pioviccica, smette, pioviccica, smette. C'è un'afa pazzesca! Speriamo che stasera si stia bene perchè ho in programma una seratona con amici che non vedo da un po'.
Come tutti i martedì torna la rubrica Teaser Tuesdays, ideata dal blog Should Be Reading. In cosa consiste? Presto detto...
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri una pagina a caso
  3. Trascrivi un breve pezzo, facendo attenzione a non fare spoilers
  4. Riporta titolo e autore del libro
Il libro di questa settima è Il grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald, un classico che io, finora, non avevo ancora letto e che, per il momento, ancora non ho capito se mi piace...

Il grande Gatsby
di F. Scott Fitzgerald
ed. Newton Compton
pp. 125
€ 0,99

"Poi è arrivata la guerra, vecchio mio. E' stato un grosso sollievo e ho cercato di morire in tutti i modi, ma sembrava che avessi addosso un incantesimo. Ho accettato la nomina a tenente quando è cominciata. Nella foresta dell'Argonne ho portato due distaccamenti di mitraglieri così lontano che c'erano quasi ottocento metri di fianchi scoperti ad ogni lato dove la fanteria non poteva avanzare. Restammo là due giorni e due notti in centotrenta con sedici mitragliatrici Lewis, e quando arrivò infine la fanteria trovò le insegne di tre divisioni tedesche tra le pile di morti. Sono stato promosso maggiore, e ogni governo alleato mi ha decorato - perfino il Montenegro, il piccolo Montenegro laggiù sul mare Adriatico".
Il piccolo Montenegro! Scandì le parole e annuì con un sorriso. Il sorriso comprendeva la tribolata storia del Montenegro e simpatizzava con la coraggiosa lotta del popolo montenegrino. Apprezzava in pieno la serie di avvenimenti nazionali che aveva provocato questo tributo dal piccolo cuore ardente del Montenegro. La mia incredulità fu sommersa dalla fascinazione a questo punto; era come sfogliare velocemente una dozzina di riviste.
Mise una mano in tasca, e un pezzo di metallo attaccato a un nastro mi scivolò in mano.
"Questa è quella del Montenegro".
Con mio stupore, l'oggetto aveva un'aria autentica.
"Orderi de Danilo, Montenegro, Nicolas Rex".
"Voltala".
"Maggiore Jay Gatsby", lessi,"Per Straordinario Valore".
Ecco fatto! Come dicevo ancora non ho ben capito se mi piace, forse non rientra proprio nel mio genere. E voi? L'avete letto? Che ne pensate?

Alla prossima
Eliza

Commenti

  1. Lo sto leggendo, ma sono ancora all'inizio! Finora mi ha colpito una citazione iniziale, non un intero passo: "Astenersi dal giudicare implica un'infinita speranza".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere che ne pensi...Io oggi sono andata un po' avanti e sta un po' migliorando, sono più o meno a metà, vedrò come prosegue...!^^

      Elimina
    2. A dire la verità l'ho già letto al liceo in una versione ridotta in lingua, ma ti confesso che non ricordo nulla, quindi una lettura in italiano mi è fondamentale! :P

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!