Passa ai contenuti principali

Recensione: Mi sono scordata di fidanzarmi con te - Laura Tait e Jimmy Rice

Buongiorno amici lettori!
A quanto pare è arrivato il freddo! Nella bella Romagna si gela! Quindi quale modo migliore per passare il pomeriggio di un bel libro? In questi giorni sto leggendo parecchio, infatti sono indietro di ben 2 recensioni, ma spero di rimettermi subito in pari. Anzi, prima che mi dimentichi, stavo pensando di smettere per qualche tempo di accettare nuovi libri. E' una cosa che faccio ogni tanto: mi fermo e dopo un mese o due riprendo, così smaltisco un po' di libri fermi. Adesso magari guardo bene quanti libri ho fermi e decido. 
Intanto, vi propongo proprio una recensione. Il libro di cui vi parlerò è una commedia romantica dal titolo Mi sono scordata di fidanzarmi con te di Laura Tait e Jimmy Rice, gentilmente inviatomi dalla De Agostini (grazie!!).


Titolo: Mi sono scordata di fidanzarmi con te
Titolo originale: The best thing that never happened to me
Autore: Laura Tait e Jimmy Rice
Editore: De Agostini
Collana: BookMe
Pagine: 314
Ebook: € 6,99
Cartaceo: € 14,00
Data di pubblicazione: 8 luglio 2014
TRAMA

Lui: bello, serio, preciso, ordinato e affascinante quanto basta. Lei: tutta curve e battute sferzanti, con spruzzata di lentiggini. Vivono in una piccola città della campagna inglese, si conoscono da sempre, sono amici del cuore e sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno, o meglio, non hanno mai avuto il coraggio di confessarselo. Tra varie occasioni mancate passano gli anni, Holly e Alex prendono strade diverse ma la vita ha in serbo una sorpresa. Ormai trentenni, si rincontrano a Londra. Ed è l'appuntamento con il destino.


RECENSIONE

Alex e Holly si conoscono da sempre, sono migliori amici. Finito il liceo però perdono i contatti e devono aspettare 10 anni per rivedersi di nuovo, non nella piccola e sperduta Mothston dove passano l'adolescenza, ma nella grande e lucente Londra, dove entrambi si ritrovano a vivere. Tra i due riprende in fretta il rapporto che avevano lasciato, anche se i sentimenti che i due provano sono ben diversi dalla semplice amicizia. Holly però ha una relazione segreta con il suo capo e Alex ne ha iniziata da poco una con l'antipatica Melissa. Insomma per i due non è mai il momento giusto! Hanno un'occasione mancata dopo l'altra, e anche i rispettivi caratteri non aiutano a risolvere la situazione. Fino a quando...

Mi sono scordata di fidanzarmi con te è una commedia romantica, dolce e carina, ma niente di più. Purtroppo la storia non decolla e a tratti è piuttosto piatta. Ci sono diversi elementi interessanti che potevano aiutare a creare un bel romanzo divertente e leggero, ma il racconto e troppo piatto e anche i suoi protagonisti non convincono. Ho trovato qualche battuta simpatica e dei momenti all'altezza delle mie aspettative sul finale, troppo tardi purtroppo per risollevare il libro. 

Il continuo alternarsi dei punti di vista credevo sarebbe stato un problema, temevo, dopo aver letto le prime pagine, di trovare quasi due storie separate, raccontate dal punto di vista di Holly e da quello di Alex. In realtà la scrittura a quattro mani aiuta e fa si che, sebbene non spumeggiate, la storia sia ben narrata, con i due punti di vista che danno un quadro a 360° di quello che succede. Peccato però che non ci siano degli episodi così indimenticabili che catturino l'attenzione del lettore. 

Il finale è invece molto più interessante. Le ultime 80 pagine mi hanno divertita  e catturata, anche perché essenzialmente succede tutto lì. Qui ci sono le battute più divertenti, qui i personaggi hanno una marcia in più.

Passiamo proprio ai personaggi. I due protagonisti, Holly e Alex, hanno pro e contro. Pro: sono due ragazzi normali, nessuno è bellissimo, stupendissimo, sexy, e via dicendo. Finalmente un po' di normalità! Hanno dei bei caratteri, sono ben descritti. Contro: sono poco propositivi, come la storia non è frizzante e accattivante, così loro si lasciano molto condurre dagli eventi. Non so, non mi hanno molto convinta, a tratti li ho trovati noiosi, e nei momenti in cui potevano dare di più non lo fanno. Ad esempio, Alex si fa mille problemi con i ragazzi della scuola ma alla fine poco fa. Holly almeno sul finale decide di dare una bella svolta alla sua vita, prende una vera decisione, fa qualcosa! Quindi un punto in più per Holly!
I personaggi "di contorno" sono un po' più interessanti, pur rimanendo nella loro parte marginale. Mi è piaciuta soprattutto Jemma, collega di Holly, che non vuole, non sa e non è una segretaria; le sue battute sono le più divertenti e, anche se è un personaggio volutamente un po' sopra le righe, è quello che più rallegra la storia.

In conclusione, non mi sono molto appassionata alla storia, se non sul finale. In generale l'ho trovata un po' piatta, non difficile da leggere o particolarmente lenta, ma con pochi momenti interessanti o molto divertenti, come invece mi aspetto da questo genere di romanzo. Peccato!

Voto...


Alla prossima
Eliza


Commenti

  1. Mi viene sempre un colpo quando vedo così pochi gufetti, però sei bravissima a spiegare i tuoi motivi!
    Anche qui fa freddo, ieri mattina a Venezia c'era il ghiaccio, rimasugli della grandine. Ma a settembre, si può?! Infatti ora vai di tè e libro! Un bacio, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capitano i libri un po' meno riusciti! Che poi a volte dipende anche dalle aspettative che uno si fa o dal periodo in cui lo leggi... ;)
      Anche io ho ricominciato con il tè verde!! Ci vuole tutto con 'sto freddo!!

      Elimina
  2. Mmmmmm diciamo che già il titolo me lo presenta come una lettura leggera, se poi non ti ha neanche entusiasmata più di tanto direi che... potrei anche passare, ad attirarmi era più che altro l'ambientazione lo ammetto ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli.