Passa ai contenuti principali

Recensione: Il sigillo di Aniox. Il Destinato - Chiara De Martin

Buona sera amici lettori!
Oggi vi propongo la recensione di un fantasy, Il sigillo di Aniox. Il Destinato di Chiara De Martin. A giugno ho recensito il primo libro di questa serie (Ritorno alle origini, QUI la recensione), in generale mi era piaciuto, anche se avevo comunque incontrato qualche elemento un po' scricchiolante. Il secondo libro mi ha conquistata!


Titolo: Il sigillo di Aniox. Il Destinato 
Serie: Il sigillo di Aniox #2 
Autore: Chiara De Martin 
Editore: Piazza Editore 
Pagine: 426 
Cartaceo: € 15,00 
Data di pubblicazione: 15 novembre 2013
TRAMA

Quando Rut, Principessa di Aniox, si rifugia in casa del barone Murdoch per sfuggire alla guerra contro il Destinato, non si aspetta certo che sia Philibert, generale dell’esercito nemico, a varcare la soglia di quella casa per riportarla nel Leheda. Il Destinato, il mago dagli occhi verdi e il cuore di ghiaccio, ha trionfato, conquistando l’intera dimensione, spodestando gli altri sovrani dai loro troni e autoproclamandosi imperatore dei Ventiquattro Regni. Separata dalle Sorelle della Luna, da Jack e dai suoi stessi genitori, Rut è costretta a sopportare le attenzioni del nuovo signore di Aniox, mentre cerca disperatamente un modo per opporsi al suo dominio. L’unica arma in grado di sconfiggerlo sembra nascondersi nelle montagne al confine del Regno, cime ostili e disabitate: è su quei picchi che gli Antichi Fondatori hanno nascosto l’amuleto creato per sconfiggere Melesot e, forse, la stessa magia potrebbe annientare anche il Destinato. Mentre Rut prende sempre più coscienza di quale sia la sua missione, Roy è alla disperata ricerca di Agata, La Lince, e Jack dovrà confrontarsi con i suoi sentimenti e con l’odio del Destinato, scoprendo suo malgrado verità che lo porteranno a mettere in discussione gli affetti a lui più cari.

RECENSIONE
Sono tornata ad Aniox, uno dei Ventiquattro Regni, è ho trovato tante novità. No, non sono impazzita, ma quando mi diverto a leggere un libro mi piace pensare di entrarci dentro, armi e bagagli. Se poi, come in questo caso, è un seguito ho anche qualche punto fisso, vedo qualche volto amico, insomma mi sento un po' a casa.

La storia riprende là dove avevamo lasciato la principessa Ruth: nel castello natale di Jack, all'inizio di una guerra contro il Destinato. Ruth scopre ben presto (e in uno di quei momenti in cui ti viene da urlare "NOOOO, ASPETTA UN SECONDO!!!") che la guerra è persa e che il Destinato ha piegato al suo volere tutti e Ventiquattro i regni, facendo prigionieri i vari re. La stessa Ruth, con la sua sorellina, viene presa e riportata ad Aniox, sede del nuovo imperatore, e qui vive una prigionia dorata, fatta di cene, bei vestiti e passeggiate nel giardino sempre sotto il diretto controllo del Destinato che vuole piegarla al suo volere e farne la sua sposa. Ma Ruth ha un suo piano per liberarsi dell'usurpatore e liberare i genitori e gli altri re.

Già il primo libro di questa serie mi era piaciuto, tuttavia qualche divagazione di troppo qua e là mi avevano un po' fatto perdere il filo della storia. Il finale però era tutto un programma, quindi quando Chiara mi ha proposto di continuare la lettura l'ho fatto con piacere. E ne sono rimasta folgorata! La differenza tra il primo e il secondo volume c'è e si vede: l'atmosfera da gioviale e idilliaca per il ricongiungimento familiare si fa triste e cupa per l'occupazione. Ma la differenza non sta solo in questo: con piacere ho notato una maggiore maturità nella scrittura. Certo qualche pecca resta, soprattutto per l'uso continuo di alcuni termini (il quindicenne, la quindicenne), ma la sua autrice si trova sicuramente molto più a suo agio in questo secondo volume e sta limando il proprio stile.

Il racconto mi ha subito coinvolto, ho trovato molto intrigante questo "balletto" tra Ruth e il Destinato, preda l'una, cacciatore l'altro. Anzi, ammetto che in fondo come coppia non mi dispiace, anche perché il Destinato è cattivo, ma non così cattivo. E' chiaro il sentimento che prova per la ragazza, ma è frenato dal suo ruolo e dallo scopo della sua vita. La principessa lo odia... Ok, forse è vero, visto che lui ha fatto cose terribili, ma in fondo in fondo qualche dubbio le è venuto. Insomma, un tira e molla che mi ha conquistato e divertita.
In questo secondo capitolo forse incontriamo meno eventi eclatanti rispetto al primo, c'è meno azione, ma questo ha favorito, e di molto, i personaggi, veramente ben realizzati.
Con piacere ho notato che sebbene restino alcune divagazioni dalla storia principale, come nel primo libro, queste producono meno confusione e sono meno dispersive, anzi creano una piacevole contrapposizione tra il castello chiuso e oppresso dagli invasori e la foresta verde e fresca. Sono come delle piccole valvole di sfogo pronte ad aumentare la suspense.
La storia è piuttosto originale, ben delineata e ben raccontata, si legge con piacere. Ha una costruzione lineare e semplice ma ben fatta. Ho trovato ancora qualche piccolo refuso o errore di battitura, ma niente di eccessivamente dannoso.

Ho notato una certa evoluzione anche nei personaggi, e soprattutto in Ruth, che è diventata sicuramente più matura e posata. La trovo però ancora un po' forzata, un po' costretta nel suo ruolo. Mi stupisce sempre il fatto che si sia adattata con tanta facilità al nuovo mondo e al suo nuovo ruolo; la sua vecchia vita non affiora mai, né nel comportamento né nel modo di parlare e questo secondo me un po' manca. Penso che difficilmente si possano cancellare totalmente 14 anni passati in un altro mondo e in un'altra condizione sociale.
Jack appare meno ma sinceramente, sebbene sia un ottimo personaggio, utile al racconto, si comporta come un cretino! E grazie al cielo c'è Tamara che glielo dice chiaramente!
Il personaggio che ho più amato è il Destinato. E' bello, ricco, potente e affascinante, ha la situazione in pugno, è crudele ma con il cuore in subbuglio: come posso non amarlo! Nel primo libro avevo molto tifato per Ruth e Jack, pensavo fosse naturale che tra loro accadesse qualcosa e avevo snobbato l'antagonista. In questa seconda parte invece, anche per il comportamento sul finale di Jack, a Sean (il vero nome del Destinato) un'occasione gliela darei! Sono poi molto curiosa di vedere come evolve questo misterioso legame che c'è tra Sean e Jack, ora appena accennato qua e là.

Il finale è ancora una volta molto aperto (l'autrice è chiaramente un sadica che vuole torturarci con la curiosità!), lasciamo i nostri eroi su una soglia critica, superata la quale potrà succedere di tutto!
In conclusione, ho avuto il piacere di leggere un bel fantasy, una storia semplice ma che si legge tutta di un fiato. Il tira  e molla tra i personaggi ci tiene sulla corda, curiosi di scoprire cosa farà Ruth, chi sceglierà, cosa ne sarà del Destinato. Inutile dire che non vedo l'ora che esca il terzo e conclusivo volume di questa bella trilogia fantasy!

Voto...

Alla prossima
Eliza

Commenti

  1. Grazie per la bellissima recensione!! Sono proprio soddisfatta che tu abbia trovato i personaggi ben caratterizzati, tengo molto a creare delle personalità a tutto tondo :) Ti farò sicuramente sapere quando arriva il terzo!

    RispondiElimina
  2. A mio parere e di molti è un'opera davvero coinvolgente e appasionante...complimenti all''autrice!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli.