Passa ai contenuti principali

Recensione: Maleficio - Rachel Hawkins

Buona domenica amici lettori,
in questo fine settimana piovoso (almeno da me) torno a scribacchiare qui sul blog e vi propongo una recensione. Il libro di cui vi parlerò è Maleficio di Rachel Hawkins, secondo libro della serie The Prodigium Trilogy!


Titolo: Maleficio
Titolo originale:  Spell Bound
Serie: The Prodigium Trilogy #2
Autore: Rachel Hawkins
Editore: Newton Compton
Collana: Vertigo
Pagine: 283
Ebook: € 2,99
Cartaceo: € 14,90
Data di pubblicazione:  17 settembre 2015
Link Amazon: Maleficio. The Prodigium trilogy  

TRAMA

Sophie Mercer è una ragazza Prodigium. Ma quando con le sue straordinarie capacità ne ha combinata una di troppo, è stata spedita all'Hecate Hall, una scuola speciale dove vengono raddrizzati e puniti ragazzi che hanno esagerato con i loro strani poteri (streghe, mutaforma, maghi, licantropi, fate). Ma questo accadeva prima che Sophie scoprisse gli oscuri segreti che la sua famiglia aveva tenuto nascosti per anni. E soprattutto prima che si innamorasse di Archer Cross, un membro infiltrato dell'Occhio di Dio, organizzazione fondata proprio allo scopo di distruggere i Prodigium. E ora Sophie sa di essere un demone e che in un prossimo futuro potrebbe essere costretta a far del male anche a coloro che ama. Ecco perché, quando il Consiglio dei Prodigium la spedisce in Inghilterra, decide di sottoporsi li alla Rimozione, una procedura difficile e pericolosa che cancella definitivamente ogni potere magico. A Thorne Abbey, l'imponente e immensa residenza sede del Consiglio dei Prodigium, incontrerà suo padre, il capo del Consiglio, che le rivelerà una storia sconvolgente; ma più sconvolgente ancora sarà la scoperta che qualcuno sta allevando in segreto molti altri demoni per sfruttarne la potenza distruttiva. Sophie si accorge presto di essere nel mirino dell'Occhio, che invia a controllarla proprio Archer Cross. Pensava di averlo ormai dimenticato, ma si accorgerà ben presto di provare ancora qualcosa per lui...



Posso dirlo? Gne. Questo secondo capitolo non mi è piaciuto. L'ho trovato lento, noioso e alla fine con poco succo. Anche la bella ambientazione scolastica che tanto mi era piaciuta nel primo libro (QUI la recensione) qui inspiegabilmente sparisce a favore di una villa inglese. Infatti Sophie, protagonista del romanzo, segue il riapparso padre (finora sentito solo tramite laconici biglietti di auguri per il compleanno) nel vecchio continente, a Thorne Abbey, attuale sede del Consiglio dei Prodigium. In Inghilterra Sophie scopre che lei e il padre non sono i soli demoni in circolazione e che qualcuno sta giocando sporco proprio nella proprietà della sua scuola, la Hex Hall.

Ok, ci sono viaggi col teletrasporto, esplosioni, mostri simil Frankenstein, tuttavia... non lo so, non mi è piaciuto. Solitamente il secondo libro di una trilogia ha la grande pecca di essere un libro di transizione tra il primo che ti presenta la storia e il terzo che ti da il finale. Qui però mi ha dato proprio la sensazione di essere un qualcosa in più, poco necessario, quasi una forzatura per fare tre libri e non semplicemente due.  Mi sono trascinata nella lettura, quasi forzata, e dire che non è particolarmente lungo. La sensazione di voler trascinare un po' la storia me l'ha data anche l'aggiunta di nuovi personaggi, non tanto il padre di Sophie (che anzi mi è piaciuto), quanto piuttosto Daisy e Nick. Calmi, non sgridatemi subito, lo so che hanno un loro senso nella storia, tuttavia visto proprio il loro ruolo nel racconto dovevano essere resi meglio, dare qualcosa di più al racconto, interagire di più. Continuavo a leggere che Nick aveva un sorriso strano e poi bum, succede quello che succede. Mi è sembrato un po' poco. In generale, tutto mi è sembrato "poco"... poca storia, poche emozioni, poco spessore ai nuovi personaggi, poca convinzione nel legame di Sophie con Cal e con Archer (ma anche con Jenna).
Con questo genere di libri io vado molto a sensazioni, mi è difficile spiegare bene, ma conclusa la lettura mi sono ritrovata insoddisfatta, volevo scoprire di più, avere di più e soprattutto volevo avere una migliore spiegazione dei fatti.
E' un peccato, perché il primo libro mi era piaciuto, lo stile ironico e frizzante dell'autrice mi continua a piacere e adoro Sophie, tuttavia in questo secondo libro della serie mi è sembrato che la storia fosse un po' snaturata rispetto al primo libro. Ecco sapete una cosa, mi ha dato l'idea non di essere davanti ad un secondo libro ma davanti al 7 o all'8 di una serie, quando le cose da dire si riducono e si cercano tutti gli escamotage possibili per far continuare la storia (senza un reale perché), stiracchiandola fino al paradossale...
Beh, non mi resta che sperare nel terzo....

Voto


Alla prossima
Eliza

Commenti

  1. Ahi :D che votaccio!!!
    Io devo ancora iniziare la serie, ma finora avevo letto solo pareri positivi...tu mi hai sorpreso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo mi è piaciuto moltissimo, questo pochissimo... confido nel terzo? Speriamo!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno - Benjamin Stevenson

Buongiorno lettori! Come finire questa settimana? Ma con un bel giallo! Oggi vi parlo di una novità Feltrinelli, Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson (grazie all'ufficio stampa per la copia del romanzo!)... titolo stuzzicante vero?

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: Il tempo di tornare a casa - Matteo Bussola

Buongiorno lettori! Il blog è decorato per Natale, la Challenge con Lallì e la Bacci sta per partire, ho iniziato ad aprire il calendario dell'avvento con il cioccolato... direi che dicembre è entrato nel vivo che più vivo non si può.  Udite udite, ho già pronta per voi per parlarne insieme la mia prima lettura del mese... un record! Settimana scorsa mi era arrivato a sorpresa da Einaudi il nuovo libro di Matteo Bussola , Il tempo di tornare a casa . Vediamo insieme cosa ne penso.