Passa ai contenuti principali

"Il nostro nido d'amore" di Kate Forster

Buon pomeriggio amici lettori!
Vi state squagliando dal caldo?? Da me si muore, ma almeno, stando sul mare, nel pomeriggio si alza una bella brezzolina e mettersi in giardino è un vero piacere. Praticamente ho spostato tutto quello che avevo sulla scrivania sul tavolo da giardino! Meraviglia!
Oggi recensione! E il libro di cui vi parlerò è un romanzo romanticone fin dal titolo, Il nostro nido d'amore di Kate Forster.


Titolo: Il nostro nido d'amore 
Titolo originale: The perfect retreat 
Autore: Kate Forster 
Editore: Newton Compton Editori 
Collana: Anagramma 
Pagine: 345 
Ebook: € 4,99 
Cartaceo: € 9,90 
Data di pubblicazione: 3 aprile 2014
TRAMA

Willow Carruthers è una donna di successo: attrice di fama, è considerata un'icona di stile e ha persino vinto un Oscar. Ma ora sta attraversando un momento davvero difficile: ha scoperto che suo marito la tradisce. E per di più è in bancarotta: da un momento all'altro la sua casa sarà pignorata e lei finirà in strada con i suoi tre figli. Anche Kitty, la tata, è disperata. Se perde il lavoro non saprà proprio cosa fare. Per fortuna lei e suo fratello hanno ereditato una casa di campagna vicino Bristol: Middlemist House. È una cascina vecchia e decrepita, ma lì le due donne potranno finalmente trovare un po' di tranquillità e ovviare per qualche tempo ai problemi finanziari. E così Kitty, Willow e i bambini lasciano Los Angeles per trasferirsi nelle campagne inglesi. Ma il loro isolamento durerà ben poco. L'improvviso ritorno dell'affascinante Merritt, fratello di Kitty, e l'arrivo di una troupe cinematografica per filmare una nuova serie ambientata a Middlemist House, riporterà nella loro vita la giusta dose di sesso, scandali peccaminosi e appassionanti intrighi.

Devo farvi la solita premessa? Ok, iniziamo. Questo è un classico libro che non può finire male, pena la sorpresa del lettore; perfetta lettura poco impegnativa, potrebbe essere una buona compagnia sotto l'ombrellone per chi ama il genere. Detto questo passiamo al succo dell'articolo.

Ho fatto una certa fatica a concluderlo. La storia è carina, simpatica a tratti, con qualche punto un po' più spinto, ma lunghetta e un po' dispersiva.
Ho acquistato questo romanzo attratta dall'idea della casa, ereditata di generazione in generazione, ora sull'orlo della rovina. Le case fatiscenti, per lo più inglesi, mi attirano come il miele con le api. E in effetti l'ambientazione e la storia della casa potevano essere un po' a favore di questo libro: sarei passata sopra anche ad una storia un po' brutta e a personaggi antipatici. Ma... si si, ma... questa bella idea è stata sfruttata poco e male, la casa appare poco nella sua magnificenza e in maniera piuttosto sbrigativa. Il suo mistero rilegato in un cantuccio  e tirato fuori in fretta e furia alla fine per dare una chiusa al tutto. Povera casa! Poteva essere la protagonista indiscussa e invece è diventata niente più che un cespuglio sullo sfondo.

Altra idea che mi incuriosiva: la diva che si deve nascondere nella magione in stato d'abbandono. Carina, curiosa... Peccato che "il rifugio perfetto" duri in tutto 30 pagine (più o meno), per poi essere accantonato a favore di un film...

Ovviamente viene dato tanto spazio all'aspetto più romantico della storia, e lo immaginavo. L'intreccio è piuttosto interessante, anche perché troviamo sulla scena diversi personaggi che si incontrano e si scontrano. Tuttavia a volte l'ho trovato quasi ripetitivo, con scene (e a volte dialoghi) simili tra di loro. In altri punti invece mi sono semplicemente annoiata davanti alle lacrime e agli occhioni luccicanti dei vari personaggi, spesso con un effetto domino (cioè iniziava uno e poi piano piano partivano tutti) un po' irritante.
La cosa che però più mi ha spiazzato sono le scene di sesso: belle esplicite, a volte quasi volgari, e soprattutto spesso gratuite e fini  a se stesse. Si passa da una scena semplice e piacevole ad una di sesso bello spinto. Ok, non sono una bacchettona e ho letto anche di peggio, ma sono scene che francamente non mia spettavo da questo libro, neanche dopo averlo iniziato e aver letto un buona quantità di pagine. Anche perché non le ho viste come necessarie  nella storia, potevano essere rese in maniera più coerente col tono del resto del romanzo.

I personaggi mi sono piaciuti, soprattutto perché sono tutti diversi, con caratteri abbastanza spiccati e unici. A volte sono forse poco credibili e coerenti con il loro ruolo, ma niente di eccessivo. Quelli che mi sono piaciuti di più sono i bambini, che pur non avendo un ruolo centrale sanno comunque catturare l'attenzione, ognuno  a modo suo.

Ultimo appunto: mi ha ricordato un po' di film, tutti messi insieme e mescolati (Quattro matrimoni e un funerale, Notting Hill, L'amore non va in vacanza...).

In conclusione, non mi aspettavo molto e non ho ricevuto molto. E' stata una lettura simpatica, ma non eccezionale, personalmente, essendo tale, avrei preferito fosse più breve, ne avrebbe giovato il racconto.

Voto...


Alla prossima
Eliza




Commenti

  1. Risposte
    1. Eh si... ultimamente poi sto diventando più strettina di voto... :P

      Elimina
  2. Meglio dedicarmi ad altri libri....

    RispondiElimina

  3. OK..la trama non mi diceva molto e vista la tua recensione....per questa volta passo...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mea invece la trama non mi dispiaceva, però non ha una resa molto ben riuscita...

      Elimina
  4. Non conoscevo questo libro e non sono molto ferrata in inglese, ma la scelta del titolo italiano è pessima secondo me. Comunque temo che sia il difetto minore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I titoli tradotti sono una cosa incredibile, a volte cambiano completamente il senso o comunque non c'entrando nulla... mah...

      Elimina
  5. Azz... due gufetti... direi che passo, se si tratta di un'accozzaglia di film mischiati insieme preferisco guardarmi un dvd ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!