Passa ai contenuti principali

#28 Ti consiglio un libro... ambientato nel Medioevo

Buon venerdì lettori!
L'aria si è fatta friccicarella, l'autunno oramai ci fa compagnia insieme a maglie, giacche e qualche sciarpa, ma noi non perdiamo le vecchie abitudini di consigliare libri. Si avete capito bene, oggi è giornata di consigli librosi con la rubrica Ti consiglio un libro, in collaborazione coi blog La Libridinosa, Un libro per amico e Desperate Bookswife.
L'argomento scelto questa volta è... un libro ambientato nel Medioevo.


Il nome della rosa
di Umberto Eco
Bompiani | I grandi tascabili | 618 pagine
ebook €5,99 | cartaceo €14,00

Uh che fatica! Sapete, sarò una mezza archeologa, sarò amante della storia, ma io di libri ambientati nel Medioevo non ne leggo. Ohi, sia chiaro, ci ho provato, a partire da Ken Follet con I pilastri della terra... guardavo la copertina e mi si chiudevano gli occhi. Scritto bene, tutto quello che vi pare (uh ma siete voi quelli coi forconi fuori casa mia?), ma niente, mi annoiano a morte. Anche perchè, ammettiamolo, non è che i libri ambientati nel gioioso Medioevo facciano propriamente sbellicare dal ridere, se va bene c'è la peste...
Quindi, quando Laura, tutta felice (tacci sua...), mi ha comunicato la sua scelta io sono passata dall'incredulità, alla tristezza, al panico... che vi consiglio???? E poi illuminazione! Il nome della rosa, che saranno pure 600 pagine di monaci, barili di sangue di maiale, lingue nere ovunque, ma ricordo che quando l'ho letto (anni fa...  andavo tipo alle medie e mi fecero fare tutto un lavoro sopra; ho una di quelle edizioni Pocket che costavano 5000 lire e che ora si tiene insieme grazia al sapiente uso di scotch e graffette) mi piacque molto, per il mistero e l'uso della parola. 

Prima di salutarci facciamo un salto nel Medioevo insieme a Laura, Dany e Baba? Io porto l'amuchina per tutti...

Alla prossima


Commenti

  1. Io adoro invece i libri ambientati nel Medioevo, forse perché è un periodo oscuro e I pilastri della terra l'ho divorato. Il nome della rosa l'ho letto tantissimi anni fa ed è uno dei libri che mi ha invogliato a leggere sempre più, quasi quasi prossimamente lo rileggo.

    RispondiElimina
  2. Io ADORO i libri ambientati nel Medioevo! Gli squartamenti erano legali, sai? Poi ci sono le streghe, sorelle a me! Il nome della rosa è un must, ma i miei libri del cuore rimangono I Pilastri della terra e Mondo senza Fine
    Baci da Bacci

    RispondiElimina
  3. ah ah ah allora abbiamo avuto la stessa idea. rido ancora adesso!!! Vorrà dire che i nostri lettori accetteranno il consigli. Cioè abbiamo messo anche la stessa copertina!!!

    RispondiElimina
  4. Io invece non amo questo particolare periodo storico, ma il nome della Rosa mi è piaciuto...fatta eccezione le 60 pagine di descrizione del portale.
    Buon fine settimana.
    Lea

    RispondiElimina
  5. bello questo libro e ti dirò che l'ambientazione medievale non mi dispiace

    RispondiElimina
  6. Io amo i libri ambientati in questa epoca così oscura e contraddittoria.
    Questo è uno dei miei romanzi preferiti in assoluto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.

"Non è estate senza te" e "Per noi sarà sempre estate" di Jenny Han

Buona sera amici lettori! Ho una sola parola per voi... Caldo!! Da quanto vedo in giro su Facebook ci sono zone in cui sta piovendo da giorni, in cui è brutto, nuvoloso... qui da me invece è caldo caldissimo, con un sole cocente e un vento bollente che brucia! Ieri soprattutto è stato devastante. Stanotte almeno ha piovuto un pochino, ma oggi sembra essere punto e a capo... Quindi oggi, munita di ventilatore, divano comodo e un bel thè freddo ho deciso che scrivo un po' e poi continuo la lettura del tanto citato La verità sul caso Harry Quebert , che, con appena un anno di ritardo dal resto del mondo, ho finalmente iniziato. Sono solo ai primi capitoli e finora non mi dispiace ma ancora mi deve convincere. Vedremo! Intanto questa sera vi propongo non una ma ben due recensioni. L'altra settimana ho infatti letto Non è estate senza te e Per noi sarà sempre estate di Jenny Han , ultimi due capitoli della The summer trilogy . Visto che li ho letti uno dopo l'altro ho pe