Passa ai contenuti principali

#28 Ti consiglio un libro... ambientato nel Medioevo

Buon venerdì lettori!
L'aria si è fatta friccicarella, l'autunno oramai ci fa compagnia insieme a maglie, giacche e qualche sciarpa, ma noi non perdiamo le vecchie abitudini di consigliare libri. Si avete capito bene, oggi è giornata di consigli librosi con la rubrica Ti consiglio un libro, in collaborazione coi blog La Libridinosa, Un libro per amico e Desperate Bookswife.
L'argomento scelto questa volta è... un libro ambientato nel Medioevo.


Il nome della rosa
di Umberto Eco
Bompiani | I grandi tascabili | 618 pagine
ebook €5,99 | cartaceo €14,00

Uh che fatica! Sapete, sarò una mezza archeologa, sarò amante della storia, ma io di libri ambientati nel Medioevo non ne leggo. Ohi, sia chiaro, ci ho provato, a partire da Ken Follet con I pilastri della terra... guardavo la copertina e mi si chiudevano gli occhi. Scritto bene, tutto quello che vi pare (uh ma siete voi quelli coi forconi fuori casa mia?), ma niente, mi annoiano a morte. Anche perchè, ammettiamolo, non è che i libri ambientati nel gioioso Medioevo facciano propriamente sbellicare dal ridere, se va bene c'è la peste...
Quindi, quando Laura, tutta felice (tacci sua...), mi ha comunicato la sua scelta io sono passata dall'incredulità, alla tristezza, al panico... che vi consiglio???? E poi illuminazione! Il nome della rosa, che saranno pure 600 pagine di monaci, barili di sangue di maiale, lingue nere ovunque, ma ricordo che quando l'ho letto (anni fa...  andavo tipo alle medie e mi fecero fare tutto un lavoro sopra; ho una di quelle edizioni Pocket che costavano 5000 lire e che ora si tiene insieme grazia al sapiente uso di scotch e graffette) mi piacque molto, per il mistero e l'uso della parola. 

Prima di salutarci facciamo un salto nel Medioevo insieme a Laura, Dany e Baba? Io porto l'amuchina per tutti...

Alla prossima


Commenti

  1. Io adoro invece i libri ambientati nel Medioevo, forse perché è un periodo oscuro e I pilastri della terra l'ho divorato. Il nome della rosa l'ho letto tantissimi anni fa ed è uno dei libri che mi ha invogliato a leggere sempre più, quasi quasi prossimamente lo rileggo.

    RispondiElimina
  2. Io ADORO i libri ambientati nel Medioevo! Gli squartamenti erano legali, sai? Poi ci sono le streghe, sorelle a me! Il nome della rosa è un must, ma i miei libri del cuore rimangono I Pilastri della terra e Mondo senza Fine
    Baci da Bacci

    RispondiElimina
  3. ah ah ah allora abbiamo avuto la stessa idea. rido ancora adesso!!! Vorrà dire che i nostri lettori accetteranno il consigli. Cioè abbiamo messo anche la stessa copertina!!!

    RispondiElimina
  4. Io invece non amo questo particolare periodo storico, ma il nome della Rosa mi è piaciuto...fatta eccezione le 60 pagine di descrizione del portale.
    Buon fine settimana.
    Lea

    RispondiElimina
  5. bello questo libro e ti dirò che l'ambientazione medievale non mi dispiace

    RispondiElimina
  6. Io amo i libri ambientati in questa epoca così oscura e contraddittoria.
    Questo è uno dei miei romanzi preferiti in assoluto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli.