Passa ai contenuti principali

Recensione: La felicità è una pagina bianca - Elisabeth Egan

Buongiorno amici lettori!
Finalmente mercoledì! Finalmente anche a casa mia si riprende la routine solita e finalmente sono finite le feste. Eh niente, a me Pasqua non va giù. 
Allora che mi dite? Vi piace la grafica nuova? In molti mi avete detto che bisogna abituarsi... Non nego che anche io ancora devo farci l'occhio, soprattutto perchè ho ripulito molto la colonna laterale, però mi piace tantissimo! 

Passiamo al post di oggi! Come sapete insieme alle altre Lgs abbiamo avviato l'iniziativa del libro sparpagliato, un libro che viaggiando per tutta Italia verrà letto, commentato, scritto sottolineato da un gruppo di lettrici. Il libro che vi sto per recensire è proprio un #librosparpagliato e dobbiamo ringraziare la Nord che lo ha messo a disposizione.

La felicità è una pagina bianca
di Elisabeth Egan
Editrice Nord | Narrativa Nord | 394 pagine
ebook €6,99 | cartaceo €16,60
25 febbraio 2016

TRAMA
Quando qualcosa non va, Alice Pearse cerca rifugio nella lettura. È sempre stato così; fin dalla più tenera infanzia, per Alice i libri sono isole felici dove potersi rilassare, mondi in cui perdersi, tesori da amare. E, adesso che si è trovata all'improvviso con un marito disoccupato, tre bambini da mantenere e un mutuo da pagare, i libri sono diventati letteralmente la sua ancora di salvezza: è infatti grazie alla sua fama di book blogger che le viene offerto un impego da Scroll, una potente società che vuole lanciare una catena di caffè dove tutti gli amanti della lettura possono sprofondare nelle comode poltrone, consultare uno sterminato catalogo di e-book e leggere. Nonostante le feroci proteste della sua migliore amica, proprietaria della libreria del quartiere, Alice accetta, tuttavia non le ci vuole molto per rendersi conto che gestire la famiglia con un lavoro a tempo pieno è molto più difficile di quanto non si sarebbe aspettata, e che dietro l'apparenza da paese delle meraviglie, Scroll nasconde un lato da incubo. Eppure Alice non si scoraggia: in fondo, a volte, per trovare la felicità basta girare pagina.

Quando le ragazze mi hanno detto di aver trovato il libro perfetto per un'edizione speciale del libro sparpagliato ero felicissima. Avevo letto la trama e ho detto "Uh una book blogger! Una di noi! Bello!!". Ehm... No, perchè Alice, la protagonista, non ha un blog e non è una blogger. Alice legge da sempre e, per aiutare il bilancio familiare, da anni lavora part time alla rivista You, dove appunto recensisce libri. Quindi lo fa per professione.. Va beh, lasciamo correre anche se la sinossi è un po' così. Torniamo ad Alice che con il marito Nicholas e i tre figli vive nel New Jersey. Quando Nicholas lascia il lavoro, per mettersi in proprio, Alice accetta un lavoro a Scroll, una grande società che progetta di aprire delle sale di lettura. Il lavoro la elettrizza, la grande città la entusiasma, tuttavia presto i pani di Scroll mutano radicalmente e Alice non sente più di trovarsi al posto giusto. 

L'inizio prometteva bene e la lettura si è dimostrata scorrevole, eppure per me questo libro è stata una vera agonia. Per quanto riguarda la storia non è proprio niente di che, non l'ho trovata particolare o accattivante, niente. Mi ha annoiata ma anche irritata perchè l'autrice non ha fatto altro che prendere il filone centrale della storia, quindi Alice che lavora da Scroll, e contornarlo di tante storie parallele, come se avesse capito che la storia fosse carente di qualcosa e avesse deciso di porre rimedio mettendoci tante piccole pezze. Così troviamo la parentesi sulla malattia del padre (che è la parte del libro che ho più apprezzato), quella del marito con il problema dell'alcol, o ancora la figlia adolescente in piena crisi, o la migliore amica con la libreria in crisi. Sono storie di contorno,  carine ma che non hanno un vero perchè nel quadro generale del libro. Sono cose in più! E questa sensazione viene rafforzata da tanti piccoli aneddoti o da interi capitoli che potevano essere tranquillamente evitati.
Se poi passiamo a parlare della protagonista la mia irritazione raggiunge il culmine. L'ho trovata veramente antipatica, poco coerente, egoista e in alcuni momenti arrivista, saccente e snob (nel senso che si permette di giudicare gusti e pensieri degli altri... ma da che pulpito mi domando io). Il carico da undici viene dato dall'autrice con questa irritante (si lo so mi serve un sinonimo... insopportabile, seccante, indisponente) mania di elencare in continuazione marche di vestiti, borse, scarpe, che sinceramente è la mia ultima preoccupazione in un libro del genere. 

In conclusione: ho impiegato ben una settimana per leggere questo libro, un tempo per me assurdo, ma facevo veramente fatica ad aprirlo perchè sapevo perfettamente che avrei trovato una protagonista antipatica e con la quale poco avrei avuto in comune se non la passione per i libri. Ah si perchè in questo libro ci dovrebbe essere questo, passione, amore per la lettura, che però appare e viene subito soffocato dall'ennesimo elenco di marche di vestiti.

Voto

Alla prossima





Commenti

  1. Accidenti!
    Questo libro mi ispirava così tanto, per titolo e copertina (per una volta, molto più bella quella italiana di quella originale).
    Dopo la tua recensione (è la prima che leggo di questo libro) sono molto delusa, quindi passerò ad altro.
    Complimenti per la nuova grafica del blog.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh purtroppo è andata così!
      Grazie mille per i complimenti! ;)

      Elimina
  2. Come farò a leggerlo? Strasigh
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm.... oddio ti ho messo in crisi? No no, tranquilla, tu lo leggerai con i commenti miei e di Laura, per me è stato divertentissimo leggerli!!

      Elimina
  3. L'inizio prometteva bene e la lettura si è dimostrata scorrevole, eppure per me questo libro è stata una vera agonia. Ecco questa frase mi ha distrutto lo spirito. Aiutoooooo non lo voglio leggere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, ti tocca! E poi a te arriverà bello farcito di commenti!! Ti invidio un sacco!

      Elimina
  4. Eh, a questo punto..strastrasigh, non voglio lo voglio leggere neppure io!! ;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio no! Non piangete!! Magari a voi piace, magari sono io storta!

      Elimina
  5. Allora qui la situazione si complica alla grandissima perché il primo libro sparpagliato mi è giunto e chi mi ha preceduta ha già avuto da ridire. Ora mi spedirai anche questo su cui avete anche da ridire per cui credo che mi attendano due letture di fila un po' noiose... sigh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà però divertentissimo leggere i nostri commenti! O almeno per me lo è stato, giravo le pagine sperando ci fosse un bigliettino di Laura! XD

      Elimina
  6. uffa che fastidio quando succede così che ti aspetti qualcosa e non lo trovi.

    RispondiElimina
  7. Ma la Nord non pubblicava libri di fantascienza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No pubblica un po' di tutto... questo lo poteva evitare

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.

"Non è estate senza te" e "Per noi sarà sempre estate" di Jenny Han

Buona sera amici lettori! Ho una sola parola per voi... Caldo!! Da quanto vedo in giro su Facebook ci sono zone in cui sta piovendo da giorni, in cui è brutto, nuvoloso... qui da me invece è caldo caldissimo, con un sole cocente e un vento bollente che brucia! Ieri soprattutto è stato devastante. Stanotte almeno ha piovuto un pochino, ma oggi sembra essere punto e a capo... Quindi oggi, munita di ventilatore, divano comodo e un bel thè freddo ho deciso che scrivo un po' e poi continuo la lettura del tanto citato La verità sul caso Harry Quebert , che, con appena un anno di ritardo dal resto del mondo, ho finalmente iniziato. Sono solo ai primi capitoli e finora non mi dispiace ma ancora mi deve convincere. Vedremo! Intanto questa sera vi propongo non una ma ben due recensioni. L'altra settimana ho infatti letto Non è estate senza te e Per noi sarà sempre estate di Jenny Han , ultimi due capitoli della The summer trilogy . Visto che li ho letti uno dopo l'altro ho pe