Passa ai contenuti principali

Recensione: Fuori controllo - Jen McLaughlin

Buona sera amici lettori,
questa sera vi propongo una nuova recensione. Il libro di cui vi parlerò mi ha "tormentato" non poco. Appena uscito lo volevo assolutamente, ma ogni volta o non lo trovavo in libreria o dimenticavo di metterlo nel carrello degli acquisti online, per poi ricordarlo ovviamente non appena l'ordine non era più modificabile. Poi l'ho finalmente comprato, l'ho letto e... non sapevo cosa scrivere nella recensione. Giuro! L'ho letto in un pomeriggio e giovedì sera era bello che finito ma da allora non sono riuscita ad articolare un concetto decente da scrivere. In realtà non ho ancora ben capito se mi è piaciuto o meno... Dite che sto tergiversando ancora? Si avete ragione. Ok, allora iniziamo con le cose facili. Il libro di cui vi parlerò (si, più o meno) è Fuori controllo di Jen McLaughlin.


Titolo: Fuori controllo
Titolo originale: Out of line
Serie: Out of line trilogy #1
Autore: Jen McLaughlin
Editore: Newton Compton Editori
Collana: Anagramma
Pagine: 285
Ebook: € 4,99
Cartaceo: € 9,90
Data di pubblicazione: 20 novembre 2014
TRAMA

Brava ragazza, studiosa e impegnata nel sociale, lei. Aria spavalda, amante del surf e muscoli tatuati, lui. Ma come spesso accade, gli opposti si attraggono ed è colpo di fulmine fin dal loro primo incontro. Ma le cose non sono così semplici... Carrie è sempre vissuta sotto lo stretto controllo del padre, un politico di spicco al quale è impossibile dire di no. Giunta al college, la ragazza è convinta di essersi finalmente liberata delle ingombranti guardie del corpo che l'hanno accompagnata sin dall'infanzia: ormai sente di poter decidere della propria vita da sola. Alla prima festa studentesca incontra Finn, un ragazzo che sa come infrangere le regole. Tra i due scoppia un'attrazione immediata, ma Carrie non può prevedere quale scherzo le stia riservando il destino e soprattutto chi sia in realtà Finn...


RECENSIONE
Questa recensione vi avverto fin da subito sarà stranissima, perché? Semplice, perché a 5 giorni dalla lettura non ho ancora capito se questo libro mi sia piaciuto o meno. La storia è carina, a tratti divertente, ma spesso banale, già vista. I protagonisti hanno un che di particolare ma ad un certo punto cadono nei cliché più grandi e noti dei romanzi degli ultimi anni. 

La storia mi ha ricordato alcuni film che ogni tanto girano in tv, in particolare uno con Katie Holmes e uno con Mandy Moore, in cui c'è la figlia del Presidente degli Stati Uniti che stufa del controllo paterno e dei servizi segreti cerca la normalità illudendosi di trovarla al college o in un viaggio; peccato che ci sia la guardia del corpo di turno che sotto mentite spoglie la protegge e naturalmente scatta l'amore. Il succo di questo libro è lo stesso, con la differenza che qui parliamo della figlia di un senatore, ma in linea di massima siamo lì. La storia ha quindi un che di carino, magari non troppo originale, ma mi sono divertita a leggere dei modi di Finn per non farsi scoprire o di quelli di Carrie per cercare di mantenere l'anonimato. Il problema secondo me è che è tutto molto frettoloso e rapido, troppo. Iniziamo a leggere e siamo già al college con Carrie che incontra subito Finn che si sente subito attratto. Accade una cosa dietro l'altra quindi si è portati a finirlo subito, anche perché è una lettura molto scorrevole, però finisce subito. C'è bisogno di tutta questa fretta? Io l'ho finito veramente in poche ore, un pomeriggio appena e senza neanche stare lì a leggere in continuazione. Diciamo che non riesci a goderti a pieno la storia. E da qui nasce anche il mio dubbio su questo libro: non riesco a capire se mi è piaciuto ma non l'ho apprezzato in pieno perché finito subito, o se in fondo non mi è piaciuto del tutto e basta.

Passiamo ai personaggi che sono due. Cioè, non intendo i due protagonisti ma proprio i personaggi, sono solo due. C'è una completa assenza di personaggi secondari, se non per poche brevi apparizioni della compagna di stanza di Carrie e del terzo incomodo che le fa la corte. Sono un po' pochini. Aggiungendo qualche altro personaggio forse ci sarebbe stata anche meno fretta a concludere, ci sarebbe stata più carne al fuoco. Ad esempio mi sarebbe piaciuto incontrare (magari all'inizio del libro, prima che Carrie parta per il college) i genitori di Carrie che invece conosciamo solo attraverso qualche chiamata e degli sms. Volevo conoscere questo padre asfissiante e iperprotettivo e vederlo parlare faccia a faccia con Finn.

Carrie non è la classica ragazzina viziata ma si scopre essere un personaggio profondo. Cerca di fare del bene e pensa sempre agli altri mettendo da parte i propri sentimenti. Mi è piaciuta, perché alla fine non è una che si piange addosso, agisce, ragiona prima di agire e non si fa mettere i piedi in testa.
Finn poteva essere uno dei miei personaggi maschili preferiti ma... ragiona con le parti basse! Non puoi vedere una ragazza, che in teoria dovresti proteggere, e pensare solo a come farle urlare il tuo nome a letto. E lo ripete mille volte. Mi spiace ma ha perso mille punti in 2 righe. E poi vive perennemente eccitato (*bromuro, litri di bromuro*). Si vuole per forza infilare il sesso anche l'ha dove non ci vuole. Vuoi farli andare  aletto insieme? Ok, ci sto, anzi mi piace. Ma non puoi parlare del suo pene ogni tre righe!!

In conclusione, mi è piaciuto? Non lo so, non l'ho capito! Si, mi sono divertita a leggerlo, l'ho fatto con piacere, le pagine scorrevano una dopo l'altra, ma in alcuni momenti mi sarei messa ad urlare. Ad alcune parti darei 4 o 5 gufetti ad altre 2, quindi facciamo una media, nella speranza che il secondo libro della serie mi faccia decidere da che parte stare...

Voto


Alla prossima
Eliza


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno - Benjamin Stevenson

Buongiorno lettori! Come finire questa settimana? Ma con un bel giallo! Oggi vi parlo di una novità Feltrinelli, Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson (grazie all'ufficio stampa per la copia del romanzo!)... titolo stuzzicante vero?

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.