Passa ai contenuti principali

#24 Ti consiglio un libro... di cui amo il titolo

Buongiorno lettori!
E' arrivata ufficialmente l'estate, qui fa già un caldo della pupazza e il mio cervello inizia ad andare a singhiozzi. E niente, i primi caldi già si fanno sentire, quindi io vivo nella speranza di un temporale che rinfreschi l'aria e le mie idee.
Sono passate due settimane perciò questo venerdì ospita una nuova puntata di Ti consiglio un libro, la rubrica nata dall'amicizia coi blog La Libridinosa, Un libro per amico e Desperate Bookswife
L'argomento questa volta non è semplice, infatti ho passato una buona mezz'ora a scartabellare nella mia libreria alla ricerca di un libro che faccia al caso nostro. Alla fine ci sono riuscita... più o meno. Quindi Ti consiglio un libro... di cui amo il titolo.



Penelope per gioco
di Caterina Bonvicini
Einaudi Editore | I coralli | 182 pagine
cartaceo €11,36
giugno 2000

E' un libro vecchiotto, che non credo si trovi più in vendita (se non in un noto sito di libri usati se siete interessati), ma che a me ha fatto conoscere con piacere la penna di Caterina Bonvicini. Il titolo mi piace, sembrerà banale o semplice, ma è stato quello che ha fatto scattare la scintilla. Ammettiamolo, la copertina non è meravigliosa, quindi quando in libreria mi è caduto l'occhio su questo volumetto piccino non è stata quella a farmi fermare, è stato proprio il titolo. Ho iniziato a chiedermi in che senso? Chi è Penelope? Ecco, leggendo ho scoperto che l'identità stessa di Penelope è un gioco, un rebus che sia il coprotagonista sia il lettore cercano di scoprire... e non è detto che abbiano successo. Insomma un titolo curioso, che nella sua semplicità ha saputo catturarmi, e un libro particolare che, grazie anche alla storia che lo ha portato sulla mia strada (una lunga storia, un giorno ve lo racconterò...), mi è rimasto nel cuore.

Ora vediamo quali titoli hanno colpito Laura, Daniela e Baba!

Alla prossima


Commenti

  1. Ciao Laura! Effettivamente è un titolo che pone un sacco di interrogativi! Penelope di Ulisse? Per gioco in che senso? etc etc..Ora sono curiosa di scoprirlo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io col titolo mi sono fatta domande come le tue, poi quando ho letto la sinossi ho scoperto che era qualcosa di completamente diverso da quello che avevo pensato

      Elimina
  2. E' molto intrigante come titolo. Ho pensato subito anche io a Ulisse

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!