Passa ai contenuti principali

Oscar 2016: Leo ce l'hai fatta!

Buon pomeriggio amici lettori!
Ve lo avevo promesso un post un po' chiacchiericcio sulla notte degli Oscar 2016 e ogni promessa è debito. Quindi eccomi qua, dopo una nottata non dico del tutto in bianco ma quasi... ad un certo punto sono stramazza sul letto con le cuffie e la tv accesa, uno spettacolo davvero poco edificante. Ma veniamo a noi! 


Come sicuramente saprete Leonardo Di Caprio dopo 5 nomination ha finalmente agguantato la prestigiosa statuetta, in barba alle battutacce che giravano per i social. Personalmente credo che questa volta il riconoscimento sia arrivato per stanchezza, insomma ok, la prima candidatura per Buon Compleanno Mr Grape è andata buca, ci stava, era il 1994 e doveva ancora salvare Rose sulla zattera di fortuna grande come una portaerei; nel 2005 candidato per The Aviator e niente; nel 2007 per the Blood diamond e niente pure qua; nel 2014 per The wolf of Wall Street e niente ancora e il sorriso si stava parecchio incrinando... Insomma se pure questa volta non glielo davano mandava veramente tutti al diavolo in diretta Tv. Eh davanti al film con l'orsetto (che io non ho visto ma mi dicono essere parecchio diverso dalla vera storia di Hugh Glass) io mi domando perché l'Accademy al completo lo abbia ignorato in Revolutionary Road o in Inception... Bah... Va beh, brindiamo a te Leo e una cosa.... ora basta eh, cioè lo hai vinto, siamo tutti felici ma per un po' non ti voglio più sentire.
fonte: panorama.it
Passiamo al film che non avrà fatto mambassa di premi ma che è stato tra i più premiati e apprezzati (anche perché nel cast figura un meraviglioso Mark Ruffalo!), Spotlight, film che narra le vicende del gruppo di giornalisti del The Boston Globe (il team Spotlight appunto) che ha investigato sullo scandalo dei preti pedofili in America e che per questa inchiesta ha ricevuto il Premio Pulitzer nel 2003. Il film ha vinto come Miglior film e Miglior sceneggiatura originale. L'argomento è ovviamente molto delicato ma quanto mai importante ed è stato molto significativo che se ne parlasse su un palco così. Io sicuramente guarderò il film e se siete particolarmente curiosi come me vi segnalo anche il libro Spotlight uscito per Piemme ad inizio febbraio nel quale sono raccolti indagini e documenti relativi a questa inchiesta, film e libro non sono uno la trasposizione dell'altra ma hanno la stessa origine.
fonte: Ansa.it
Passiamo al gentil sesso? Miglior attrice protagonista è stata incoronata in un bellissimo vestito blu (eh si dai, faccio la fashion blogger per una volta...) Brie Larson per il suo ruolo di Joy in Room, adattamento cinematografico del libro Stanza, letto, armadio, specchio di Emma Donoghue, edito in Italia per Mondadori ( e ovviamente già ristampato con la locandina del film in copertina...finirà mai questa cosa??).

fonte: repubblica.it
Dopo l'affaire Di Caprio però le assegnazioni che più attendevo erano quelle per migliori attore e attrice non protagonisti e ci sono rimasta un po' male. Partiamo da quello di attrice non protagonista, vince Alicia Vikander per The Danish Girl, film il cui trailer gira da parecchio e che da un lato mi intriga e dall'altro mi fa temere una certa lentezza. Anche in questo caso il film è tratto dal libro The Danish Girl di David Ebershoff, edito Giunti. Cosa c'è che non va? Alicia è un amore anche se poteva pure fare un salto dal parrucchiere vista l'occasione però mi spiace, Kate Winslet, per il suo ruolo nel film su Steve Jobs, doveva vincere! La Winslet è un'attrice meravigliosa e per quanto mi riguarda dovrebbe vincere l'Oscar pure con la pubblicità della paglietta per i piatti! 

Miglior attore non protagonista è stato incoronato Mark Rylance per Il ponte delle spie di Steven Spielberg, film dalle mille candidature ma che ha visto arrivare unicamente questa statuetta per l'interpretazione di Rylance nei panni della spia russa Rudolf Abel. Questo film è stato tratto dal libro La verità sul caso di Rudolf Abel di James B. Donovan edito Garzanti di cui vi ho parlato qualche mese fa (QUI la recensione). I più dicevano che il premio sarebbe andato ad un redivivo (perdonami il gioco di parole Leo... si si tranquillo, la statuetta è tua, ora va pure a giocare...) Silvester Stallone che, in barba al tempo che passa, ha saputo rilanciarsi sul grande schermo con cosa? Con lo spin off di Rocky... e va beh, che volete farci... Io personalmente tifavo per il bel Mark Ruffolo, che se non ricordate per il bellissimo Now you see me (di cui uscirà a breve anche il seguito) sicuramente non avete perso nel più commerciale The Avenger (avrà fatto pure la parte di Hulk, ma un Hulk con stile ragazzi!). 
fonte: corriere.it

Ultimo premio che ricordo qui (saltiamo quelli tecnici...) è quello dato finalmente ad Ennio Morricone per la colonna sonora di The Hateful Eight. E anche qui, Accademy cara, non per fare la rompiscatole per ogni cosa, ma è possibile?! Non gli avete dato l'Oscar per capolavori come Mission, Gli Intoccabili, C'era una volta l'America e glielo date per The Hateful Eight?? Che per carità sarà bellissimo, non escludo, però Mission!!! Cioè avete presente la colonna sonora di Mission?!?!??? 



Alla prossima


Commenti

  1. Senti, mentre fai la fashion blogger, di preciso, che calzini stai indossando?!!
    Per la cronaca, la Winslet (adoooooro!!!!!) non ha mai fatto la pubblicità della paglietta per i piatti e spero che non la faccia mai, che se finisce a fare robe inzuppasse pure lei, mi sparo.

    RispondiElimina
  2. Contentissima per Morricone e la Vikander, che se in Ex Machina era divina, in The Danish Girl è stata insuperabile! :)

    RispondiElimina
  3. Finalmente hanno dato l'Oscar a Di Caprio!!! Adoro il percorso che ha compiuto questo straordinario attore!
    Non so se avete visto "The Revenant", ma meritava l'Oscar già solo per la scena finale in cui guarda lo schermo con un'espressione del tipo: "E ora...VI PREGO....VI SCONGIURO.... DATEMI UN OSCAR!!!!"
    Buahhahahahaahah!!!! :D :D :D

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.

"Non è estate senza te" e "Per noi sarà sempre estate" di Jenny Han

Buona sera amici lettori! Ho una sola parola per voi... Caldo!! Da quanto vedo in giro su Facebook ci sono zone in cui sta piovendo da giorni, in cui è brutto, nuvoloso... qui da me invece è caldo caldissimo, con un sole cocente e un vento bollente che brucia! Ieri soprattutto è stato devastante. Stanotte almeno ha piovuto un pochino, ma oggi sembra essere punto e a capo... Quindi oggi, munita di ventilatore, divano comodo e un bel thè freddo ho deciso che scrivo un po' e poi continuo la lettura del tanto citato La verità sul caso Harry Quebert , che, con appena un anno di ritardo dal resto del mondo, ho finalmente iniziato. Sono solo ai primi capitoli e finora non mi dispiace ma ancora mi deve convincere. Vedremo! Intanto questa sera vi propongo non una ma ben due recensioni. L'altra settimana ho infatti letto Non è estate senza te e Per noi sarà sempre estate di Jenny Han , ultimi due capitoli della The summer trilogy . Visto che li ho letti uno dopo l'altro ho pe