giovedì 21 marzo 2019

[BookSwiffer] Recensione: Riunione di classe - Rona Jaffe

Buongiorno lettori!
Il mese scorso non c'è stata per motivi di tempistica, ma a marzo non manca un nuovo appuntamento con la rubrica BookSwiffer, la rubrica dello spolvero e dello smaltimento che porto avanti in compagnia della Bacci (detta Stefania, ogni tanto) di Due lettrici quasi perfette e di Laura La Libridinosa. Ogni mese recuperiamo dai ripiani più reconditi delle nostre librerie libri acquistati e ancora non letti, cinque veterani dei nostri ripiani e li proponiamo alle altre due che provvederanno a sceglierne uno fortunato destinato ad essere letto. La mia cinquina del mese era questa...


... e le ragazze hanno scelto per me Riunione di classe di Rona Jaffe!


Riunione di classe
di Rona Jaffe
Neri Pozza | I narratori delle tavole | 473 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,00
12 luglio 2018 | scheda Neri Pozza

È una radiosa giornata di giugno del 1977 e la cittadina di Cambridge è gremita da una folla di ex allieve giunte sul posto per l'annuale raduno del Radcliffe college. Annabel Jones si guarda attorno frastornata. Vent'anni prima frequentava il Radcliffe e tutti dicevano che era il ritratto di Suzy Parker, con i capelli color oro ramato lunghi fino alle spalle e gli occhi verdi, innocenti e divertiti. Era felice allora, e si aspettava che la vita le venisse incontro piena di sorprese, invece non è andata affatto così. Christine Spark English, Chris, è arrivata fin lì in treno: un viaggio sentimentale sulle tracce di quella ragazza acqua e sapone che vent'anni addietro, tra le mura del Radcliffe, aveva scoperto il mistero e l'innamoramento. Emily Applebaum Buchman fissa il proprio volto nello specchietto del portacipria. Era una ragazza minuta e delicata, con i capelli neri, i grandi occhi grigi e la carnagione di porcellana. Ora è una donna che ancora non ha dimenticato che cosa significava essere ebrea negli anni Cinquanta. Daphne Leeds, lunghi capelli lisci e biondi e grandi occhi a mandorla azzurri, si accende una sigaretta e scruta la folla alla ricerca di volti noti. Vent'anni prima era arrivata al college con il suo segreto e con quello era poi ripartita, ma adesso è tornata per liberarsene una volta per tutte. Negli anni Cinquanta, un'epoca in cui tutti desideravano essere perfetti e la vita era una lotteria in cui non c'era spazio per gli insuccessi, Annabel, Chris, Emily e Daphne sono state amiche inseparabili. Ritrovarsi, dopo vent'anni, darà modo a ciascuna di loro di fare i conti con il presente e di misurarsi finalmente con ciò che hanno taciuto in passato.
I quattro anni che, per tanti aspetti, avevano plasmato la loro esistenza sembravano ormai lontani, quasi irrilevanti. Erano tutti occupati nel grave compito di essere adulti, ciascuno a suo modo, inseguendo una brillante carriera, allevando figli oppure cercando semplicemente di non impazzire. 

I cari vecchi anni'50, gli anni delle gonne a palloncino, dei golfini color pastello. Gli anni della ripresa post bellica, gli anni di una nuova vita. Sono gli anni in cui Annabel, Chris, Emily e Daphne, appena uscite dalle scuole superiori, vanno finalmente all'Università, per la prima volta in vita loro lontane dal nido protettivo della famiglia. E a Radcliffe è tutto così nuovo e affascinante per loro che, nonostante le stanzette siano poco più che degli sgabuzzini e il regolamento preveda limiti e punizioni, sembrano essere gli anni più belli della loro esistenza. Passano vent'anni e le ritroviamo proprio alla riunione di classe dell'Università. E in mezzo? Cosa è successo a queste quattro ragazze con tutta la vita davanti? 
Rona Jaffe ci propone un romanzo dallo spunto semplice ma dal contenuto quanto mai complesso. La famosa riunione di classe fa da apertura e da chiusura a questo bel romanzo corale, nel cui centro ci sono sogni, speranze e difficoltà di quattro ragazze diverse tra loro ma con in comune l'essere il simbolo di una generazione in bilico, che ha tutte le potenzialità per cambiare il mondo ma che, al contempo, è ancora stretta da rigidi protocolli. 

@library.hbs.edu
Dividendosi in tre grossi capitoli che coprono un decennio a testa, il romanzo ci fa conoscere le protagoniste in un momento molto importante della loro vita, quello in cui fuori dal contesto familiare si ritrovano catapultate in una sorta di realtà parallela che è appunto Radcliffe, la gemella femminile di Harvard. Ebbene si, diciamolo, sono anni in cui ragazzi e ragazze sono rigorosamente separati, in cui andare all'Università per una giovane donna di buona famiglia vuol dire non tanto avere un'istruzione superiore quanto riuscire a conoscere giovani uomini di buona famiglia, futuri medici, avvocati, presidenti e contrarre un matrimonio vantaggioso, sfornare bambini bravi, belli e buoni, avere una bella casa. Le donne si sarebbero realizzate all'ombra del marito e avrebbero vissuto della sua splendente luce riflessa. Sembra tutto così perfetto per Emily, tutto così ordinato e giusto. E pazienza se lei avrebbe voluto fare la pediatra. Che importa? Basta sposare un medico... Stessa cosa infondo no? Perfezione è al parola chiave, come quella tanto ricercata e trattenuta con le unghie e con  i denti da Daphne, la "ragazza d'oro". Perché se non si è perfette si è danneggiate, merce avariata e chi mai avrebbe voluto sposarla conoscendo il suo segreto? Un caso a parte sono Annabel e Chris, spregiudicata la prima, abbagliata dal primo vero e unico amore la seconda. 

Ma dopo tanta perfezione? Cosa succede dopo, fuori dalle mura protettive di Radcliffe, dai vialetti alberati e dai party sfrenati nei vari dormitori? Perchè presto, anche Annabel, Chris , Emily e Daphne si accorgono che fuori c'è la vita vera, quella fatta di fatica e incertezze, di dolori e paure. Ci sono matrimoni repentini che sfociano nella banalità, nella noia e nel panico di essere sempre all'altezza, accettata e voluta. Ci sono matrimoni che non si possono celebrare se non molto anni dopo, sempre con l'ansia di quel segreto. Ci sono viaggi e rivelazioni, ci sono litigi e figli. C'è la paura per la morte violenta di un Presidente tanto amato, ci sono le guerre ancora. Così si presentano gli anni'60, un concentrato di noia e follia, di tentativi e di perdite.

E poi gli anni'70, quelli della ribellione, dei cambiamenti, della libertà sessuale. Sono anche gli anni della famosa riunione di classe, in cui le nostre quattro protagoniste mettono finalmente sul piatto le loro esistenze e le paragonano a quelle delle altre. Si fanno bilanci e si cerca di capire dove siano finite quelle ragazze dai sogni innocenti. Tutto ora sembra strano e piccolo. 

@en.wikipedia.org
Riunione di classe è un romanzo con un grande pregio: non si limita a parlarci delle vite di questo o quel personaggio, ma tramite loro ci parla di generazioni e di società, del ruolo della donna, delle aspettative delle donne e della realtà a cui erano il più delle volte costrette ad attenersi, ma anche dei casi speciali, di quelle donne che sono riuscite a sradicare i preconcetti e a farsi bandiera di innovazione. O ancora della visione che si aveva degli omosessuali in America e in Europa. Insomma, dietro al tono scanzonato e a eventi frivoli, si nascondono momenti fondamentali della nostra storia recente e quadri quanto mai vivi della società di quegli anni.
Non è difficile affezionarsi presto alle protagoniste, ragazze ingenue in fondo che sono circondate dal preconcetto della loro generazione e che devo pagare lo scotto di farne parte, rinunciando per gran parte della loro vita a restare nascoste dietro al marito o all'uomo di turno e vivere con un senso di inadeguatezza perenne o in una attutita solitudine. Ma Radcliffe non è per loro luogo di cambiamento solo in gioventù. Anche ora che si sono ritrovate nei suoi prati e nei suoi corridoi vent'anni dopo, questo luogo da loro un nuovo insegnamento: la vita non segue mai i nostri piani o i nostri desideri, è imprevedibile e può condurci ovunque, anche là dove avremmo sempre voluto essere

Alla prossima



1 commento:

  1. Ero già abbastanza interessata, ma la tua recensione mi ha incuriosita! Lo metto in lista.

    RispondiElimina

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^