Passa ai contenuti principali

Recensione in Anteprima : Il talento del cappellano - Cristina Cassar Scalia

Buongiorno lettori!
È arrivato novembre, ma soprattutto è arrivato il 2 novembre! Aspettavo con ansia e gioia questo giorno perchè oggi torna in libreria Cristina Cassar Scalia con un nuovo capitolo delle indagini di Vanina Guarrasi. Ebbene si, dopo appena 6 mesi dall'uscita di L'uomo del porto eccola tornare nelle nostre case con Il talento del cappellano, che grazie all'ufficio stampa Einaudi ho potuto leggere in anteprima.


Andò verso la mensola dov'era sistemata la cornice con la foto di suo padre. Lo interrogò con gli occhi come faceva ogni volta che per qualche motivo si ritrovava a combattere con la stessa feccia contro cui aveva combattuto lui prima di venirne schiacciato. Lo interrogò su Paolo.
Il responso, come al solito, non le piacque.
« Non si scappa mai dai problemi, mica mia. Ricordatelo ». 
L'unico insegnamento di suo padre che Vanina aveva disatteso.

Non uno ma ben due cadaveri vengono trovati nel cimitero a pochi passi da casa del vicequestore Vanina Guarrasi. Durante le vacanze di Natale non ci voleva proprio, ma meglio questo che continuare i festeggiamenti a casa della madre a Palermo. In men che non si dica Vanina torna a Catania ed costretta, durante le indagini, anche ad arrampicarsi sulla muntagna innevata per venire a capo di un giallo intricato e subdolo. Non appena spunta fuori un indizio tutto il castello di ipotesi fatte fino a quel punto crolla inesorabilmente e scoprire chi ha ucciso la dottoressa Azzurra Leonardi e monsignor Antonino Murgo diventa sempre più complicato.

Che io sia appassionata ai gialli di Cristina Cassar Scalia è il segreto di Pulcinella, ma questo l'ho proprio adorato. Il caso di pluri omicidio è infatti di ardua soluzione e non scontato, ma neanche così complicato da non riuscire a seguirlo. Un mix perfetto di mistero e narrazione che ti fa leggere il romanzo in pochissimo tempo. La Scalia questa volta ci mette dentro un sacco di spunti interessanti, ipotesi tutte plausibili, indizi che ti solleticano, per poi spiazzarti con un finale che non ti saresti proprio aspettata.

A fare da contorno, e manco tanto contorno, a tutto ciò c'è la vita privata della Guarrasi e degli altri personaggi; primo fra tutti del commissario Patanè che arrivato tranquillo tranquillo nella vita del vicequestore della mobile di Catania è diventato un elemento importante e fondamentale della sua squadra e per cui è disposta addirittura ad accendere la sirena dell'auto di servizio. Cavolo Patanè, che colpo ci hai fatto prendere a tutti quanti!

In questa serie ho trovato un'atmosfera tutta particolare, che mi aiuta ogni volta ad immergermi nelle sue pagine, un misto di mistero, intuizione, ma anche ironia e realtà che mi ha colpito fin dal primo libro. 
Ma credo siano due i punti forti di questi libri. In primo luogo i personaggi, Vanina certo, ma anche quelli "secondari", dalla squadra mobile di Catania a Bettina, dall'amica Giuli all'anatomopatologo Calì, dai genitori della Guarrasi a Paolo. E poi l'ambientazione, una Catania che abbiamo visto e girato in lungo e in largo, in estate e in inverno, dai luoghi più nascosti e particolari alle pendici della muntagna che tutto domina e osserva. I colori, i sapori, i profumi, senza nascondersi dietro ad un dito e non vedere ciò che di marcio c'è. 

Un cadavere che scompare, poi riappare. Un duplice omicidio accompagnato da una macabra messinscena. Con il Capodanno alle porte, pasticcio peggiore non poteva capitare al vicequestore Vanina Guarrasi. Se poi una delle vittime è un prete, il caso diventa ancora più spinoso. Comincia tutto in una notte di neve, sull'Etna. Il custode di un vecchio albergo in ristrutturazione chiama la Mobile di Catania: nel salone c'è una donna morta. Quando però i poliziotti arrivano sul posto, del corpo non vi è più traccia. Ventiquattr'ore dopo viene ritrovato nel cimitero di Santo Stefano, proprio il paese dove abita la Guarrasi. Al suo fianco è disteso un uomo, un sacerdote, anzi un monsignore, assai conosciuto e stimato; entrambi sono stati uccisi. Intorno a loro qualcuno ha disposto fiori, lumini, addobbi. Il mistero si dimostra parecchio complesso, oltre che delicato, perché i conti, in questa storia, non vogliono mai tornare, un po' come nella vita di Vanina. L'aiuto del commissario in pensione Biagio Patanè può risultare al solito determinante. Quell'uomo possiede un intuito davvero speciale, ma ha il vizio di non riguardarsi. Una cattiva abitudine che, alla sua età, rischia di essere pericolosa.


IL TALENTO DEL CAPPELLANO
(Vanina Guarrasi, #5)
di Cristina Cassar Scalia
Einaudi | Stile Libero Big | 320 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €18,00 | 2 Novembre 2021 | scheda Einaudi

Alla prossima




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: La stanza delle mele - Matteo Righetto

Buongiorno lettori,  il libro di cui vi parlerò oggi è uno di quelli su cui devo sempre riflettere un po' perché mi è piaciuto, e molto, ma soprattutto mi ha lasciato... non so bene neanche io cosa ma è una sensazione particolare, un brivido, un magone, insomma qualcosa che me lo ha fatto sfogliare di nuovo terminata la lettura, mi ha fatto rileggere le parti sottolineate. Grazie alla Feltrinelli (anche per la copertina, bellissima e... opaca!) ho potuto leggere in anteprima il nuovo libro di Matteo Righetto , La stanza delle mele , in uscita proprio oggi in tutte le librerie. Spoiler: tenete conto che oggi dovete fermarvi in libreria. 

Recensione: Violeta - Isabel Allende

Buongiorno lettori! Il libro di cui vi parlo oggi esce un po' dalla mia confort zone. Il risultato post lettura è un ni, ma vediamo bene. Si tratta di Violeta di Isabel Allende , per la cui coppia ringrazio l'ufficio stampa Feltrinelli. 

Recensione: Le mogli hanno sempre ragione - Luca Bianchini

Buongiorno Lettori! È ufficialmente arrivato il caldo, ieri ho preso il coraggio a quattro mani e ho tirato fuori il tavolo da giardino con annesse sedie. Si inizia a leggere fuori, bello, comodo, ma che pizza il vicino che ti deve per forza interrompere sul più bello! Io mi munisco di cuffie e via.  Ieri, nel tepore del mio giardino, con le apotte che andavano di margherita in margherita e il cane che sulle margherite ci voleva fare altro (come uccido la poesia io nessuno mai) ho terminato la lettura del nuovo libro di Luca Bianchini , Le mogli hanno sempre ragione , e oggi ve ne parlo, ma prima... grazie all'ufficio stampa Mondadori per la copia del romanzo!