Passa ai contenuti principali

La Chiacchiera #24 - Belli e Brutti




LL: uh oggi parliamo di moda!

E: no, facciamo il meteo. E tu fai Giuliacci!

LL: fa un cazzo di caldo e deve piantarla. È ottobre e io voglio il freddo… va bene così?

E: Lallì!! Non possiamo iniziare così!!

LL: Pecché?

E: iniziamo subito con le parolacce… nun se pò

LL: ah cusa...Fa caldo, vabbè! E non va bene… e che caz… Meglio?

E: diciamo di si. Allora di cosa chiacchieriamo questo mese?

LL: di belli e di brutti! Io ho lista dei belli! Tu pensa ai brutti!

E: e perchè a me le ciofeche??

LL: perché l’argomento l’ho scelto io! Dai schezzo...parliamo di libri belli e libri brutti… o almeno credo

E: beh, parto io con una domanda: esistono libri belli e libri brutti in assoluto? O è un fattore soggettivo? 

LL: ammazza che seria che sei, ti ha fatto male Guantanamo a te! Comunque esistono libri belli in assoluto, sì: Marone, Rattaro, Aliciuzza, Rosa...quelli tutti belli sono!

E: se vuoi te lo scrivo pure in francese così sei contenta. Si quelli sono libri belli. Però possiamo dire in assoluto? Cioè vuoi che non spunti fuori una testa di minchia uno che ti viene a dire che non gli piace Marone?…. aspetta l’esplosione nucleare dalla provincia di Cremona

LL: ma a me se una viene a dirmi che non le piace Marone, che mi frega? Io la ammazzo e ho risolto il problema!

E: e senza un po’ di sofferenza? Stai proprio invecchiando stella. Comunque quello che volevo capire io è se c’è un criterio che ti fa definire un libro bello o brutto (minchia mi sento tanto intervistatrice professional…)

LL: chi ha detto senza sofferenza? Soffrire deve ‘sta stronza! Dai facciamo le serie (ti sento ridere, cretina!): no, non esiste l’assolutismo nel giudizio dei libri, come in nessun altro campo della vita, poi!

E: oh bene, quindi quello che piace a te può non piacere a me e viceversa e viviamo serene e ciambelle, giusto?

LL: eh cetto, mica ti picchio se non ti piace un libro che a me piace tanto (tranne Lorenzo, quello ti deve piacere, altrimenti ti prendo a colpi di crescione). Ecco magari in generale ci posso rimanere un po’ male se ti consiglio un libro e quello ti fa proprio schifo schifo (tipo...adesso come va con Tommà? Dillo a Ciambella tua!)

E: oh quindi a Novembre a Milano posso comprare il nuovo della Gazzola e lo fai entrare in casa!! Sapevo che scherzavi! Burlona… Si in effetti consigliare un libro che poi non piace non è bello, però anche io che ti chiedo consiglio mi prendo il rischio. Cioè io ti conosco, so che cosa leggi (dove abiti, che macchina hai) e mi regolo nel chiedere consigli… Per altro con Tommà sta andando benissimo, ma lui mi aveva già conquistata alla lasagna.

LL: senti ciccia, adesso non esagerare. La Gazzola te la compri lì, perché qua in giardino rimane, sotto le ortensie! Poi… dipende: se il consiglio lo chiedi tu, è un conto e ti becchi il rischio, ma se pensi alla Bacci, che quella mica chiede, io glieli piazzo direttamente a casa i libri =D

E: va beh ma questa è coercizione! Bacci ribellati!! Ora fondo un movimento: Bacci Libera!!

LL: sino ad oggi non si è mai lamentata, quindi ha poco di che dire! Oh che poi… bello e brutto...vogliamo parlare di quelle che ti dicono “è il libro della vita”. Ma che vuol dire? Di quale vita? La tua o la mia?

E: ecco, questo è il cuore di questa chiacchiera! Il libro della vita… Io ad esempio ho cambiato molto le letture negli anni e quello che per me è stato il libro della vita a 12 anni, non lo era più a 20 e non lo è più ora a .6. Nella vita si cambia...

LL: vabbè, Lallì, lo puoi scrivere...66...te li porti bene, dovresti vantartene! E poi sarebbe strano se Pinocchio fosse ancora il tuo libro della vita!!!

E: oddio no, Pinocchio no!! Mi è sempre stato sul culo (posso scriverlo??), un po’ come il Piccolo Principe. Si lo ammetto, qui, davanti a tutti: odio il Piccolo Principe!!

LL: ssshhhh...se ti sente tuo nipote, sai le urla! Comunque, Pinocchio sul culo...sicura di volerlo scrivere, Lallì?

E: si, l’ho sempre odiato e pure Peter Pan tanto simpatico non mi è mai stato. Io sono anti favola dentro.

LL: vogliamo parlare di quelle quattro sciacquette di Piccole donne (cit. Alice Basso)?

E: uh quelle… va beh, oggi abbiamo una parola buona per tutti. Ma visto che abbiamo parlato di libri belli (più o meno), a libri brutti come siamo messe? Perchè qui la lista è lunga e divertente…

LL: Newton! Dici brutto dici Newton. L’unico che salvo è Strukul.

E: no dai non sono tutti brutti. Ci sono quelli molto brutti e quelli che si salvano. Tu perchè sei cocciuta ma a saper spulciare qualcosa di carino si trova, ad esempio i primi della Premoli non erano male. Comunque quando un libro è brutto per te? E non mi dire quando non è Marone che non la accetto come risposta, dicio subito.

LL: mi tarpi sempre le ali tu. Però la risposta è facile: un libro per me è brutto quando non mi viene voglia di finirlo, quando dopo 10 pagine lo odio profondamente. Ma anche quando, se riesco a portarlo avanti, poi non mi lascia niente. Sai quando rimetti in ordine le librerie e ti capitano tra le mani quei libri che se non li risfogli per intero non ti ricordi manco di che parlano? Ecco, quello è un libro brutto! E per te?

E: ah io su questo sono scientifica: pagina 100 (o 50 se libro è corto).

LL: sei precisa, sorella! E quando un libro è bello bello?

E: no è che se arrivo a pagina 100 e non voglio infilarlo in lavatrice significa che il libro almeno non è brutto e risparmio in ammorbidente. Pagina 100 è il mio limite massimo. Anche se a volte pure pagina 3 può bastare…

LL: ah vedi? Invece per me il libro bello bello è quello che consiglio pure alle foglie che uso per fare le foto in giro. Hai presente? Tipo… che hai letto Marone? Leggi Marone? Perché non leggi Marone? 

E: ecco vai a giocare con le foglie, vai vai! Io invece se un libro è bello bello bello lo capisco perchè non mi staccherei mai dalla lettura e poi mi manca quando finisce. Sto ancora orfana di Casabona… mi manca...sigh

LL: nuuuuu, non piangere. Vedrai che torna Casabona. Torna pure Giggggggi poi, sei felice?

E: ti!! E pure Vani nostra?

LL: tutti tornano! Pure tu torni… qui… da me… che è novembre adesso?

E: no, ma quasi quasi!! Io, te e il Bookcity!!! Che dici, ci arrestano sta volta?

LL: secondo me, ormai si sono rassegnati! Ci tengono così come siamo, facciamo folklore. 

E: e sai quante foto facciamo??!!

LL: uh che posso divagare un attimo? Posso?

E: cetto che puoi, fa come fossi a casa tua (ma usa sottobicchiere)

LL: sottobicchiere l’ho! Sai che facciamo foto con fotocamera figa? Eh? Eh? Tutta zoom e robe strane! Facciamo le blogger professionali: tu lanci le foglie e io scatto le foto, io saltello e tu fai le foto! Però niente binari, che i lombardi sono permalosi e ci arrestano!

E: anche perchè ci becca il tram in pieno e fa male. 

LL: se non moriamo prima folgorate…

E: chi ti ha dato il permesso a te?

LL: nessuno! Che poi ora c’è pure Poldino, mica vorremmo lasciarlo solo, no?

E: no no, e presto arriva pure Macco 2.0!! Senti, una pregunta, ma l’argomento della Chiacchiera forse ci è sfuggito… forse eh…

LL: Lallì, io una cosa ho capito delle chiacchiere

E: una? Tanta roba… Illuminami

LL: (accendendo la luce…) Noi l’argomento non dobbiamo sceglierlo, tanto ci facciamo sempre i fatti nostri!

E: ma sono divertenti per questo! Ah Lallì, visto che tanto si è capito che stiamo a cazzeggiare, ricordati che oggi pomeriggio usciamo!

LL: e dove andiamo?

E: al mare a fare foto!

LL: ma piove

E: no, c’è sole qui

LL: oh...qui non tanto. Vabbè, metto galoche! Che salutiamo? Io dovrei giocare con Cintry!!

E: uh si, salutiamo, così mi alleno per Novembre (ciao ciao con la manina).

LL: è bello che tu sia convinta di star lì a fare ciao ciao con la manina (con ghigno malefico)

E: io mi nascondo dietro Cotogno

LL: tu stronza sei!

E: so, ma non è che facendomi complimenti mi convinci

LL: batta, vado via! Cià!

E: Ciao a tutti!!

Alla prossima

Lallìììì, buon onomastico!!!

Commenti

  1. siete due fulminate!
    e comunque non vale perché se parlate di Marone, Basso Paoli e compagnia bella è ovvio che siano solo bei libri!

    e poi spezzo una lancia a favore della Newton (Divina non mi accoppare) ci sono molti libri di questa CE che meritano - e leggilo insomma il libro della harmon che ti ho suggerito, lo trovi anche in economica a 5,90 -

    non posso continuare sono morta LL mi ha stesa da lontano

    RispondiElimina
  2. Non mi toccate Piccole donne perché altro che esplosione nucleare (spetta che me lo rileggo un'altra volta), ma su Pinocchio ti do ragione. Dire che lo odio è riduttivo. Lo prenderei a calci !

    RispondiElimina
  3. Buon onomastico!
    Comunque avete perfettamente ragione sul Piccolo Principe. Ho sempre pensato che sia il libro più sopravvalutato della storia! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sssshhh...che mio figlio ti sente e non è piacevole quando si arrabbia!

      Elimina
    2. No diciamolo bene... un due scatole !

      Elimina
    3. E va beh, dai, noi lo diciamo sottovoce (però lo diciamo)! ;)

      Elimina
  4. Mi piace la storia del movimento, oltre che essere cosa assolutamente necessaria per la mia sopravvivenza: IO DEVO DOMMIRE! Poi, a capire quando si intrufola in casa mia quella, ogni tanto spunta un libro suo che prima non c'era...mah! Finché non mi accoppa nel sonno...ah no, io non dormo, sto salva!
    La Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho complice in casa tua, serpe in seno hai!!

      Elimina
    2. Lallì pure io ho complici in casa tua... rifletti su sta cosa

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.

"Non è estate senza te" e "Per noi sarà sempre estate" di Jenny Han

Buona sera amici lettori! Ho una sola parola per voi... Caldo!! Da quanto vedo in giro su Facebook ci sono zone in cui sta piovendo da giorni, in cui è brutto, nuvoloso... qui da me invece è caldo caldissimo, con un sole cocente e un vento bollente che brucia! Ieri soprattutto è stato devastante. Stanotte almeno ha piovuto un pochino, ma oggi sembra essere punto e a capo... Quindi oggi, munita di ventilatore, divano comodo e un bel thè freddo ho deciso che scrivo un po' e poi continuo la lettura del tanto citato La verità sul caso Harry Quebert , che, con appena un anno di ritardo dal resto del mondo, ho finalmente iniziato. Sono solo ai primi capitoli e finora non mi dispiace ma ancora mi deve convincere. Vedremo! Intanto questa sera vi propongo non una ma ben due recensioni. L'altra settimana ho infatti letto Non è estate senza te e Per noi sarà sempre estate di Jenny Han , ultimi due capitoli della The summer trilogy . Visto che li ho letti uno dopo l'altro ho pe