Passa ai contenuti principali

Recensione: Mary - Anne Eekhout

Buongiorno lettori!
Come è andato il ponte? Il mio una favola, ho letto tantissimo!!
E infatti... rullo di tamburi... oggi ho per voi una nuova recensione. Grazie all'ufficio stampa Neri Pozza che mi ha inviato una copia, ho potuto leggere Mary di Anne Eekout ed ecco a voi la mia recensione.


 

 

Ci lavora sulla carta, ma soprattutto nella sua testa. È una storia che c'è già, e che lei sta scoprendo, separando dalle altre storie. Questo non significa che sia facile, o che lei sia convinta di riuscirci. 
La vita di Mary Shelley è in tutto e per tutto figlia del periodo storico e culturale in cui è calata. Una vita fatta di eccessi, anarchia, oscurità, passioni. Una vita che la porta ad appena 18 anni a scrivere quello che sarà il romanzo che popolerà gli incubi di tanti lettori, Frankenstein o Il Moderno Prometeo. Da dove le venne questa idea? Dove trovò l'ispirazione per creare una creatura così orribile e spaventosa? 

Anne Eekhout in questa romanzo (ricordiamolo, è un romanzo) cerca di raccontarci la vita dell'autrice inglese fermandola in due momenti della sua storia: quando giovanissima, nel 1812, viene spedita armi e bagagli dal padre in Scozia presso la famiglia Baxter e nel 1816 quando con il compagno di una vita Percy Shelley è in Svizzera. Sarà dopo il soggiorno svizzero che l'idea della Creatura e del medico suo creatore prenderà vita su carta, ma sarà già nel soggiorno scozzese che troveremo i primi elementi che la ispireranno. 

Fin qui quello che è contenuto nel romanzo in questione. Ma possiamo dire che la Eekhout abbia fatto un buon lavoro? Ni. Il romanzo si legge bene, anzi benissimo, scorre che è un piacere. Io stessa ho impiegato poco tempo nel leggerlo. Quindi posso dire che l'autrice sa scrivere. Ma... eh si c'è un ma grande come una casa. Non sono del tutto soddisfatta per diverse ragioni. Prima fra tutto il finale che non ho praticamente trovato. Se vi approcciate a questo libro aspettandovi il momento in cui, in un tripudio di violini, luce soffusa e notte tempestosa, la Shelley prende in mano la penna e inizia a scrivere frenetica l'intero romanzo, beh mi spiace deludervi, non lo troverete mai. Il romanzo resta per tutte e 300 e passa pagine un'idea, un embrione, qualcosa che esiste, è lì, nella sua testa, una creatura fatta di parole e suoni, ma non viene concretizzato. Non lo troveremo né in Scozia né in Svizzera. 

I due filoni narrativi scorrono paralleli, alternandosi di capitolo in capitolo, ma non mi hanno dato qualcosa di concreto, un perché vero. A cosa serve la storia di Isabella e della famiglia Baxter? perché raccontarci della pesca alla Balena, della testa di pesce che Johnny si porta in giro? Ecco, io questo perché non l'ho trovato nel concreto. Forse più forza costruttiva l'ho trovata nella parte ginevrina del romanzo, anche se è quella narrativamente più debole, quella in cui in soldoni succede meno. 

L'autrice la butta molto sul dubbio tra sogno e realtà, tra ciò che è vero e ciò che non lo è. L'aspetto onirico si accompagna bene con l'atmosfera ma alla lunga stanca, stufa e confonde solo. Si sente proprio la necessità di avere qualcosa di più tangibile, di dare meriti e colpe, di avere qualcosa. La doppiezza è caratteristica nel racconto, anche quella sessuale che ho trovato non così sconvolgente, ma neanche così necessaria. A cosa sarebbe servito tutto 'sto strusciarsi, baciarsi e altro? 

Chiusa l'ultima pagina non mi posso dire pentita di averlo letto, mi è, in un modo strano, piaciuto, ma è come se non fosse stato completo, come se mi aspettassi ancora un capitolo che mi desse una vera chiusa. Mi aspettavo l'arrivo di Frankenstein? Si, volevo il mio banalissimo inizio di quello che è un vero capolavoro della letteratura gotica. 
Aridatece le storie, quelle vere!
Ginevra, maggio 1816. Una giovane donna si sveglia nel cuore della notte, assediata dagli incubi del suo passato e dalla gelosia per la sorellastra, Claire, che sembra cogliere qualsiasi occasione per insidiare suo marito Percy. Lei è Mary Shelley, née Wollstonecraft, e suo marito è Percy Shelley, poeta inglese celebrato e amatissimo, che Mary ha seguito per tutta Europa fino a giungere, insieme a Claire, in quel luogo di villeggiatura sulle sponde del lago di Ginevra. Sono in cinque in vacanza a Villa Diodati, compresi John Polidori e Lord Byron detto Albe, e il 1816 è l’«anno senza estate», quando l’eruzione di un vulcano in Indonesia ha oscurato il cielo in tutto il mondo e impedito al calore del sole di allietare le loro giornate. Così, la compagnia trascorre tutte le sere di pioggia di fronte al fuoco, a bere vino e laudano e a raccontarsi storie di fantasmi. Ma i fantasmi dei racconti non sono gli unici ad abitare quella grande casa. Mary ha solo diciannove anni ma alle spalle tutta una vita vissuta, di sentimenti e avventure. E, nonostante il piccolo William sia la sua gioia, non riesce a dimenticare la figlioletta morta che ogni notte, all’ora delle streghe, la sveglia con l’eco remota di un pianto disperato. Ma soprattutto Mary non riesce a dimenticare gli eventi di quattro anni prima, in Scozia, quando a Dundee ha conosciuto Isabella Baxter e l’affascinante ma sinistro Mr Booth. Isabella, riccioli scuri e pelle chiarissima, un’adorabile fossetta sul mento, è per Mary una creatura di irresistibile fascino; Mr Booth è untuoso, e dei pomeriggi passati in casa sua con Isabella spesso Mary non ha alcuna memoria. Quegli enigmatici eventi monteranno nell’immaginazione della futura scrittrice, fino a esplodere in un vortice in cui verità e finzione si mescolano senza soluzione di continuità. Ed è da quei ricordi misteriosi che, nelle lunghe sere ginevrine, Mary partorisce un incubo che abiterà le notti del mondo per i secoli a venire: il mostro di Frankenstein. 
Con un romanzo capace di illuminare gli abissi dell’inconscio come le vette della creatività, Anne Eekhout, autrice pluripremiata, ridà voce a una grande donna della letteratura e al suo tormento artistico e umano.

MARY
di Anne Eekhout
Neri Pozza | I narratori delle tavole | 366 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €19,00
31 ottobre 2022 | link Amazon affiliato

Alla prossima




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione: Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno - Benjamin Stevenson

Buongiorno lettori! Come finire questa settimana? Ma con un bel giallo! Oggi vi parlo di una novità Feltrinelli, Tutti nella mia famiglia hanno ucciso qualcuno di Benjamin Stevenson (grazie all'ufficio stampa per la copia del romanzo!)... titolo stuzzicante vero?

Recensione: Come donna innamorata - Marco Santagata

Buon pomeriggio amici lettori, eccomi di nuovo qui con l'ultima recensione per il mese di marzo. Qualche settimana fa avevo prenotato in biblioteca questo libro. Dopo un po', visto che nessuno si faceva vivo dalla biblioteca, ho deciso di fare comunque un salto. E indovinate cosa ho trovato sullo scaffale? Si, proprio lui, il mio libro prenotato. Va beh, lasciamo perdere, anche perché quella mezza giornata in biblioteca è stata qualcosa di assurdo. L'avevo inserito tra le letture di aprile, però alla fine l'ho letto subito ed essendo breve l'ho finito in neanche due giorni. L'argomento esce un po' dalla mia solita sfera d'azione, è infatti incentrato sulla figura di Dante, ma non è un saggio, anche se lo potrebbe un po' sembrare, è un romanzo. Ecco la mia recensione di Come donna innamorata di Marco Santagata . Titolo: Come donna innamorata Autore: Marco Santagata Editore: Guanda Collana: Narratori della Fenice Pagine: 175 Ebook: €

Recensione: La Fortuna - Valeria Parrella

Buongiorno lettori! Riemergo dal mio ritiro lavorativo (e mo si inizia a fare sul serio) per parlarvi di un libro molto particolare. Grazie alla collaborazione con Feltrinelli Editore ho potuto leggere La Fortuna di Valeria Parrella e ora ve ne parlo.