Recensione: Mrs England - Stacey Halls

Buongiorno lettori, 
che caldo c'è fuori?? Qui sono alcuni giorni che pare arrivata quasi l'estate. Che, per carità, i panni si asciugano veloci ma io voglio l'autunno!!

Oggi vi parlo di una lettura che mi ha impegnata solo per qualche giorno, Mrs England di Stacey Halls.


Arrivo da un serie di letture un po' ballerine, un libro mi piace, quello dopo no. Mrs England non fa eccezione perché, dopo aver affrontato una lettura che mi ha lasciato più di qualche perplessità, sono approdata tra le sue pagine e ho trovato una storia piacevole, ambientata magistralmente nell'Inghilterra di inizio '900, con quel pizzico abbondante di mistero che mi ha incantata. 
La storia è quella di Ruby May, giovane bambinaia da poco uscita dal rinomato Norland Istitute. Ruby è alla ricerca del prossimo impiego, del prossimo bambino da accudire e si imbatte nella richiesta di una certa Mrs England che cerca appunto una bambinaia per i suoi quattro figli. Ruby accetta e parte per lo Yorkshire. Arrivata a casa della nuova famiglia capisce fin da subito che qualcosa non va. Mrs England non è molto presente a sé stessa, non si occupa dei figli, fa quasi fatica a lasciare la sua stanza. D'altra parte il marito, Mr England, sembra essere una persona carismatica, forte, attenta ai figli e anche a lei. Tutto sta nel capire dove si nasconda il problema.

Storia veramente interessante quella portata su carta da Stacey Halls, che racchiude in sé una meravigliosa ambientazione nell'isolata brughiera, un matrimonio strano e cupo, due misteri che continuano a bruciare sotto la cenere. Il cuore del romanzo sono i rapporti malati, velenosi, quelli che sembrano essere idilliaci in facciata e che invece, chiusa la porta, ti logorano e annientano. Ad accompagnare questa tematica centrale è l'ambivalenza, il dubbio: chi subisce? Chi infligge dolore e patimento? Fino alle ultime 50 pagine crediamo di avere tutte le risposte, di essere certi di aver individuato vittima e carnefice, eppure scopriamo proprio alla fine quanto la natura umana possa essere malvagia e oscura, quanto possa trarci in inganno la nostra percezione. 

Ma ho parlato di due misteri, perché non esiste solo la strana coppia dello Yorkshire. Anche la signorina May porta con sé un segreto pesante, che le preme sul cuore e che detta tutte le sue scelte, un segreto che spera resti tale ma che in realtà continuerà a segnarne la vita. 

Mrs England è uno di quei libri che letteralmente ti cattura e che, se hai un paio di pomeriggi liberi, riesci a finire senza fatica. L'autrice ha saputo, infatti, tessere una storia di inquietudine e mistero, inserendola in una ambientazione storica e geografica di grande effetto. 
La pecca del romanzo è però nel suo finale, un po' troppo semplice, in cui i pezzi del puzzle vanno al loro posto e tutto finisce bene. Vista la tensione che si crea lungo tutto il racconto mi sarei aspettata una chiusa più di effetto, di quelle che lasciano a bocca aperta. Quello che ho trovato invece è un bigliettino da Bacio Perugina. 
Riposta la graziosa divisa del Norland Institute, la prestigiosa scuola londinese di bambinaie qualificate in cui si è diplomata, e indossatigli abiti adatti a un faticoso viaggio in treno, in un giorno del 1904 Ruby May giunge nello Yorkshire per prendere servizio presso la famiglia di Mrs England. Ha accettato l’incarico senza batter ciglio. Benché è la direttrice dell’istituto le abbia detto che nessuna famiglia è perfetta, gli England, con i loro bambini, la nursery separata dal resto della casa, una fabbrica tessile di proprietà e una grande dimora di campagna, le sono sembrati davvero la famiglia perfetta per una giovane bambinaia alle prime armi. Ad accoglierla nella fitta oscurità della notte è Charles England in persona. Grandi baffi neri, panciotto verde e l’aria di un avvenente locandiere venuto a prendere una cliente, nell’aria densa e umida dello Yorkshire, Mr England la conduce in carrozza fino a una grande casa incastonata nel fianco di una collina, poi scompare lasciandola sola in una stanza al buio con un vago odore di muffa. 
Di lì a poco, Ruby si ritrova al cospetto di Mrs England, una giovane donna con la vestaglia aperta sopra la camicia da notte, i capelli lunghi fino alla vita, un naso aggraziato e grandi occhi scuri. Soprattutto, una donna così sorpresa e impaurita da quell’incontro che a Ruby viene il dubbio di aver sbagliato casa. Una sensazione che si accrescerà nei giorni seguenti nei quali, in quella dimora silenziosa come una tomba e cupa, cinta com’è da una fitta foresta, Lilian England, così misteriosamente indifferente alla cura con cui una madre dovrebbe trattare i suoi figli, la guarderà non più con occhi smarriti, ma con ferocia e risentimento allorchè Mr England si concederα un atteggiamento troppo confidenziale nei suoi confronti. 
Romanzo accolto al suo apparire in Inghilterra da un grande successo di pubblico e di critica, Mrs England è il ritratto di un matrimonio inglese di inizio Novecento: un matrimonio che cova, sotto la cenere delle relazioni fallite, le braci dell’inganno e della brama di potere. Sullo sfondo della brughiera dello Yorkshire si staglia così una storia di relazioni velenose, di raggiri e misteri ma anche di coraggio, con cui Stacey Halls si conferma come uno dei maggiori talenti della narrativa inglese contemporanea. 

MRS ENGLAND
di Stacey Halls
Neri Pozza | I Narratori | 330 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €19,00
24 gennaio 2023 | link Amazon affiliato

Alla prossima

Ti potrebbe interessare...

2 comments

  1. Ciao, era tanto che non passavo a trovarti. Grazie per questo post, il libro sembra invitante e carino. Oramai più che autunno credo si possa al massimo sperare in una vera primavera (che temo non ci sarà molto - (però io continuo a sperare) Un saluto buona nuova settimana e serena continuazione del mese di marzo

    RispondiElimina
  2. Ma se trovi il finale banale , non hai colto il colpo di scena finale, in cui lei le consegna la lettera tre giorni Dopo..... conferma del fatto che anche le volte precedenti le aveva trattenute lei, ma con lo scopo di fare ricadere la colpa sul marito fingendo non fosse stata lei

    RispondiElimina

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^